Starbucks sbarca a Milano: “Non veniamo in Italia per insegnare agli italiani come si fa il caffè” [GALLERY]

  • LaPresse/Claudio Furlan
    LaPresse/Claudio Furlan
  • LaPresse/Claudio Furlan
    LaPresse/Claudio Furlan
  • LaPresse/Claudio Furlan
    LaPresse/Claudio Furlan
  • LaPresse/Claudio Furlan
    LaPresse/Claudio Furlan
  • LaPresse/Claudio Furlan
    LaPresse/Claudio Furlan
  • LaPresse/Claudio Furlan
    LaPresse/Claudio Furlan
  • LaPresse/Claudio Furlan
    LaPresse/Claudio Furlan
  • LaPresse/Claudio Furlan
    LaPresse/Claudio Furlan
  • LaPresse/Claudio Furlan
    LaPresse/Claudio Furlan
  • LaPresse/Claudio Furlan
    LaPresse/Claudio Furlan
  • LaPresse/Claudio Furlan
    LaPresse/Claudio Furlan
  • LaPresse/Claudio Furlan
    LaPresse/Claudio Furlan
  • LaPresse/Claudio Furlan
    LaPresse/Claudio Furlan
  • LaPresse/Claudio Furlan
    LaPresse/Claudio Furlan
/
MeteoWeb

Ci saranno altri store in Italia ma prima dobbiamo guadagnare il rispetto del consumatore italiano“: lo ha dichiarato l’a.d. di Starbucks, Howard Schultz, a margine di un incontro a Palazzo Marino a Milano per illustrare l’arrivo in città, nel 2018, del primo store della celeberrima caffetteria. Starbucks aprirà in piazza Cordusio nell’ex palazzo delle Poste, dove occuperà oltre 2.400 metri quadrati. “Inizialmente pensavamo a un normale store di 200 metri quadrati ma poi avendo visto l’edificio abbiamo deciso di farlo più grande. Apriremo uno store straordinario“. “Non veniamo in Italia per insegnare agli italiani come si fa il caffè. Verremo qui con grande rispetto e umiltà. Lavoreremo per guadagnare il rispetto e la fiducia del cliente italiano, dovevamo venire a Milano“.

Lo store di piazza Cordusio darà lavoro a 350 persone. Starbucks ha inoltre, come noto, finanziato l’installazione di palme in piazza Duomo.