Strage alla Mecca: il forte vento fa crollare una gru sulla Grande Moschea [FOTO]

  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
/
MeteoWeb

La Protezione civile ha anche parlato di 238 persone ferite nell’incidente di ieri sera alla Grande Moschea

E’ stato il forte vento, per la tempesta di sabbia che sta attraversando il Medioriente, la causa del crollo della gru nella Grande Moschea della Mecca, che ieri ha causato la morte di almeno 107 persone. Lo ha dichiarato il direttore generale della Protezione civile saudita, Suleiman bin Abdullah al-Amro, all’emittente Al-Arabiya illustrando l’esito dell’indagine condotta sull’incidente. Al-Amro ha quindi parlato di venti potenti e inusuali nella zona, che hanno anche abbattuto alcuni alberi, negando invece collegamenti tra la caduta della gru e un fulmine che si era abbattuto sulla Grande Moschea. Il direttore ha anche smentito che alcune delle vittime siano morte per il fuggi fuggi seguito al crollo della gru. La Protezione civile ha anche parlato di 238 persone ferite nell’incidente di ieri sera alla Grande Moschea, dove sono in corso i lavori di ampliamento per poter accogliere un numero ancora maggiore di pellegrini che annualmente compiono l’Hajj.