Strage in Tanzania, esplosione provoca almeno 62 morti e 70 feriti: cercavano di raccogliere il carburante perso da un’autocisterna [FOTO e VIDEO SHOCK]

Tragedia in Tanzania, le immagini mostrano decine di corpi carbonizzati sulla strada: erano accorsi per raccogliere il carburante perso da un'autocisterna che si era schiantata

/
MeteoWeb

Nuova tragedia della disperazione in Africa: decine di persone sono rimaste uccise da un’esplosione mentre raccoglievano il carburante fuoriuscito da un’autocisterna che aveva subito un incidente a Morogoro in Tanzania. Il bilancio provvisorio è di almeno 62 morti e 70 feriti, molti in gravi condizioni a causa della gravità delle ustioni riportate. “Temiamo che il numero delle vittime possa aumentare“, ha affermato un responsabile della polizia.

Poco prima dell’esplosione, uomini e donne sono accorsi sul luogo dello schianto dell’autocisterna, rimasta incagliata tra gli alberi. Portavano tutti delle taniche per raccogliere la benzina. Le terribili immagini della tragedia, che potete vedere nella gallery scorrevole in alto a corredo dell’articolo e nel video in fondo, mostrano decine di corpi carbonizzati lungo una strada sterrata, considerata una delle arterie principali per il rifornimento di carburante da e verso il porto di Dar es Salaam, che dista circa 200 chilometri a est. Tra le vittime, “ci sono molti autisti di moto-taxi”, accorsi sul posto per raccogliere il carburante dell’autocisterna, ma anche diversi passanti, ha annunciato il capo della polizia locale, Willbrod Mtafungwa.

Purtroppo si tratta di tragedie ricorrenti nella storia recente africana: lo scorso mese furono 45 i morti in un episodio simile in Nigeria. Sono stati invece 80 i morti a Niamey, la capitale del Niger, nel maggio scorso, in un incidente nei pressi dell’aeroporto. Numeri agghiaccianti ma quasi nulla in confronto alla tragedia del 2010 in Congo, quando i morti furono 292, e del 2015 in Sud Sudan, 203 morti.

Strage in Tanzania: decine di morti e feriti dopo l’esplosione di un’autocisterna [VIDEO]