Terremoto in California, paura fino in Messico: il più forte degli ultimi 20 anni, feriti e incendi [FOTO e VIDEO]

Un violento terremoto si è verificato nella California centrale: tutti gli aggiornamenti in diretta

/

 

Un terremoto magnitudo Mwp 7.1 si è verificato in California alle 03:19:58 UTC (05:19:58 ora italiana, 20:19:58 del 5 luglio ora locale). L’epicentro è stato localizzato a 17,6 km da Ridgecrest, la stessa località colpita giovedì da un sisma di magnitudo 6.4: lo ha reso noto l’Istituto geofisico statunitense USGS. L’ipocentro è stato rilevato a soli 900 metri di profondità. Sono state registrate decine e decine di repliche, la più forte delle quali magnitudo 5.5.
L’USGS ha riferito che la scossa di giovedì è stata un precursore del nuovo terremoto. Secondo i dati citati dalla CNN, l’ultmo sisma è stato 11 volte più forte del precedente. Giovedì la sismologa Lucy Jones, del California Institute of Technology (Caltech), aveva affermato che “c’è all’incirca una possibilità su 20 che questo luogo subisca un terremoto ancora più potente nei prossimi giorni“.

L’ultima scossa è stata la più forte mai registrata nello Stato negli ultimi 20 anni, ed è parte di una sequenza sismica. Da giovedì a oggi le repliche sono state oltre 1200, di cui 17 di magnitudo 4. Stando a quanto scrive il Los Angeles Times, l’attuale sisma è stato più potente del terremoto di Northridge, sempre in California, del 1994, che con una magnitudo di 6.7 aveva causato la morte di 57 persone: ma in quel caso era stata colpita un’area molto più densamente popolata. La sismologa Lucy Jones del California Institute of Technology (Caltech) ha dichiarato su Twitter che i due terremoti “fanno parte della stessa sequenza“.

Secondo testimoni, il sisma sarebbe durato 20-25 secondi secondi e l’USGS riporta che è stato avvertito, oltre che a Los Angeles, San Diego, Sacramento e Las Vegas, anche in Messico. Si segnalano anche interruzioni nell’erogazione della corrente elettrica: numerosi abitanti di Ridgecrest e delle zone circostanti sono rimasti senza luce dopo la scossa. Il sindaco della cittadina, Peggy Breeden, ha riferito che le unità di soccorso sono in stato di massima allerta e che “ci sono stati incendi, fughe di gas, qualche ferito lieve e blackout elettrici, stiamo affrontando tutto questo nel miglior modo possibile“.

Diverse strade sono state danneggiate vicino all’epicentro. Una frana ha costretto alla chiusura di una strada statale. Foto scattate da testimoni mostrano che una sezione della carreggiata è collassata.

Il terremoto è stato avvertito nettamente anche nel Nevada occidentale, tanto da indurre le autorità locali a sospendere e poi rinviare la partita di basket tra i New York Knicks e i New Orleans Pelicans che si stava disputando al Thomas & Mack Center di Las Vegas. Il sisma ha colpito a meno di 8 minuti dalla fine della gara, con il tabellone gigante e diversi altoparlanti che ondeggiavano vistosamente. La scossa è stata anche avvertita agli Ultimate Fighting Championship Hall of Fame Awards, sempre a Las Vegas, nel bel mezzo di un discorso pronunciato dall’ex campione di arti marziali Rashad Evans. “Lo sento. Ehi, è il terremoto baby!” ha detto Evans dal podio.

Il terremoto ha provocato “diversi feriti e diversi incendi“: lo hanno reso noto funzionari del dipartimento dei vigili del fuoco della contea di Kern senza fornire ulteriori dettagli.
Nella contea di San Bernardino sono state segnalate crepe in alcuni edifici e un ferito lieve.
Brian Humphrey, del dipartimento dei vigili del fuoco di Los Angeles, ha riferito all’emittente radiofonica KNX-AM che sono stati mobilitati oltre mille pompieri. “Vi chiediamo di considerare il terremoto di stanotte come un promemoria per essere preparati,” hanno dichiarato i vigili del fuoco in un comunicato.

“Abbiamo visto le case spostarsi”

Case spostate, crepe nelle fondamenta, muri crollati“: lo riportano su Twitter i vigili del fuoco di San Bernardino in California, a circa 190 km dall’epicentro del terremoto che alle 20:19 ora locale ha colpito la California. “I primi rapporti parlano di danni di rilievo“, affermano ancora le forze di soccorso. Oltre mille pompieri sono presenti sui luoghi del sisma. Intervistata dalla Cnn, Jessica Kormelink, un’abitante di Ridgecrest, ha raccontato di aver sentito “tremare la terra in modo molto forte, la mia casa era come se ondeggiasse“.

Il terremoto con epicentro a Ridgecrest ha fatto riemergere la paura del “Big One“, cioè di un sisma potenzialmente devastante per tutta la fascia occidentale degli Stati Uniti. Mick Gleason, un funzionario della contea di Kern nella quale si trova Ridgecrest, ha parlato di alcuni edifici in fiamme, “ma i mezzi dei pompieri sono arrivati a decine“.
Attualmente non si sono avute segnalazioni su eventuali vittime.

Le ispezioni di sicurezza condotte nell’aeroporto internazionale non hanno rilevato alcun danno. Chiuse in via precauzionale le attrazioni di Disneyland Park, vicino a Los Angeles.

Stato di emergenza

A seguito della scossa di terremoto magnitudo 7.1, il governatore della California, Gavin Newsom, ha chiesto la dichiarazione di emergenza: “Ho formalmente chiesto una dichiarazione presidenziale di emergenza per l’assistenza federale diretta agli interventi di emergenza e di recupero a favore delle comunità colpite“, si legge nel comunicato riportato dalla NBC.

“Possibile nuova scossa magnitudo 7”

A seguito della scossa registrata alle 05:19 UTC con epicentro a Ridgecrest, sussiste una possibilità su 10 che un altro terremoto magnitudo 7 possa colpire la California entro la prossima settimana: lo ha dichiarato Lucy Jones, sismologa del California Institute of Technology ed ex consulente scientifico presso l’U.S. Geological Survey. Sarebbe “quasi certa“, a suo parere, una scossa magnitudo 5.
L’esperta ritiene improbabile che il terremoto colpisca le linee di faglia fuori dalla zona.