Terremoto: a Camerino “i centri non resteranno aperti ancora a lungo” [GALLERY]

  • Mario Sabatini-LaPresse
    Mario Sabatini-LaPresse
  • Mario Sabatini-LaPresse
    Mario Sabatini-LaPresse
  • Mario Sabatini-LaPresse
    Mario Sabatini-LaPresse
  • Mario Sabatini-LaPresse
    Mario Sabatini-LaPresse
  • Mario Sabatini-LaPresse
    Mario Sabatini-LaPresse
  • Mario Sabatini-LaPresse
    Mario Sabatini-LaPresse
  • Mario Sabatini-LaPresse
    Mario Sabatini-LaPresse
  • Mario Sabatini-LaPresse
    Mario Sabatini-LaPresse
  • Mario Sabatini-LaPresse
    Mario Sabatini-LaPresse
  • Mario Sabatini-LaPresse
    Mario Sabatini-LaPresse
  • Mario Sabatini-LaPresse
    Mario Sabatini-LaPresse
  • Mario Sabatini-LaPresse
    Mario Sabatini-LaPresse
/
MeteoWeb

Ieri sera abbiamo incontrato i cittadini che hanno trovato ospitalita’ nei centri d’accoglienza comunicando loro le indicazioni che ci arrivano dalla Protezione civile nazionale e regionale. I centri non resteranno aperti ancora per molti giorni perche’ e’ doveroso passare a una fase successiva rispetto a quella della prima emergenza“: lo rende noto il sindaco di Camerino Gianluca Pasqui. “In questa seconda fase, destinata a durare fino all’individuazione di soluzioni piu’ stabili, si prospettano due opportunita’: il trasferimento presso gli alberghi della costa (da Civitanova Marche a Porto Recanati), oppure la richiesta del contributo per l’autonoma sistemazione, che sara’ concesso a chiunque in autonomia individuera’ una nuova dimora“.

In queste ore i tecnici stanno visionando gli edifici scolastici perche’ riteniamo che insieme alle attivita’ di Unicam sarebbe importante riavviare anche l’anno scolastico, compatibilmente con le necessarie garanzie di sicurezza“.

Continuano ad aumentare le richieste di accesso alla Zona rossa da parte dei cittadini che hanno necessità di recuperare beni di prima necessita’ dalle abitazioni (foto a corredo).