Terremoto Catania, i danni più gravi a Fleri, Monterosso e Santa Venerina sulla pericolosa faglia di Fiandaca [GALLERY]

  • Foto Andrea Di Grazia / LaPresse
    Foto Andrea Di Grazia / LaPresse
  • Foto Andrea Di Grazia / LaPresse
    Foto Andrea Di Grazia / LaPresse
  • Foto Andrea Di Grazia / LaPresse
    Foto Andrea Di Grazia / LaPresse
  • Foto Andrea Di Grazia / LaPresse
    Foto Andrea Di Grazia / LaPresse
  • Foto Andrea Di Grazia / LaPresse
    Foto Andrea Di Grazia / LaPresse
  • Foto Andrea Di Grazia / LaPresse
    Foto Andrea Di Grazia / LaPresse
  • Foto Andrea Di Grazia / LaPresse
    Foto Andrea Di Grazia / LaPresse
  • Foto Andrea Di Grazia / LaPresse
    Foto Andrea Di Grazia / LaPresse
  • Foto Andrea Di Grazia / LaPresse
    Foto Andrea Di Grazia / LaPresse
  • Foto Andrea Di Grazia / LaPresse
    Foto Andrea Di Grazia / LaPresse
  • Foto Andrea Di Grazia / LaPresse
    Foto Andrea Di Grazia / LaPresse
  • Foto Andrea Di Grazia / LaPresse
    Foto Andrea Di Grazia / LaPresse
  • Foto Andrea Di Grazia / LaPresse
    Foto Andrea Di Grazia / LaPresse
  • Foto Andrea Di Grazia / LaPresse
    Foto Andrea Di Grazia / LaPresse
  • Foto Andrea Di Grazia / LaPresse
    Foto Andrea Di Grazia / LaPresse
  • Foto Andrea Di Grazia / LaPresse
    Foto Andrea Di Grazia / LaPresse
  • Foto Andrea Di Grazia / LaPresse
    Foto Andrea Di Grazia / LaPresse
  • Foto Andrea Di Grazia / LaPresse
    Foto Andrea Di Grazia / LaPresse
  • Foto Andrea Di Grazia / LaPresse
    Foto Andrea Di Grazia / LaPresse
  • Foto Andrea Di Grazia / LaPresse
    Foto Andrea Di Grazia / LaPresse
  • Foto Andrea Di Grazia / LaPresse
    Foto Andrea Di Grazia / LaPresse
  • Foto Andrea Di Grazia / LaPresse
    Foto Andrea Di Grazia / LaPresse
  • Foto Andrea Di Grazia / LaPresse
    Foto Andrea Di Grazia / LaPresse
  • Foto Andrea Di Grazia / LaPresse
    Foto Andrea Di Grazia / LaPresse
  • Foto Andrea Di Grazia / LaPresse
    Foto Andrea Di Grazia / LaPresse
  • Foto Andrea Di Grazia / LaPresse
    Foto Andrea Di Grazia / LaPresse
  • Foto Andrea Di Grazia / LaPresse
    Foto Andrea Di Grazia / LaPresse
  • Foto Andrea Di Grazia / LaPresse
    Foto Andrea Di Grazia / LaPresse
  • Foto Andrea Di Grazia / LaPresse
    Foto Andrea Di Grazia / LaPresse
  • Foto Andrea Di Grazia / LaPresse
    Foto Andrea Di Grazia / LaPresse
  • Foto Andrea Di Grazia / LaPresse
    Foto Andrea Di Grazia / LaPresse
  • Foto Andrea Di Grazia / LaPresse
    Foto Andrea Di Grazia / LaPresse
  • Foto Andrea Di Grazia / LaPresse
    Foto Andrea Di Grazia / LaPresse
  • Foto Andrea Di Grazia / LaPresse
    Foto Andrea Di Grazia / LaPresse
  • Foto Andrea Di Grazia / LaPresse
    Foto Andrea Di Grazia / LaPresse
  • Foto Andrea Di Grazia / LaPresse
    Foto Andrea Di Grazia / LaPresse
  • Foto Andrea Di Grazia / LaPresse
    Foto Andrea Di Grazia / LaPresse
  • Foto Andrea Di Grazia / LaPresse
    Foto Andrea Di Grazia / LaPresse
  • Foto Andrea Di Grazia / LaPresse
    Foto Andrea Di Grazia / LaPresse
  • Foto Andrea Di Grazia / LaPresse
    Foto Andrea Di Grazia / LaPresse
  • Foto Andrea Di Grazia / LaPresse
    Foto Andrea Di Grazia / LaPresse
  • Foto Andrea Di Grazia / LaPresse
    Foto Andrea Di Grazia / LaPresse
  • Foto Andrea Di Grazia / LaPresse
    Foto Andrea Di Grazia / LaPresse
  • Foto Andrea Di Grazia / LaPresse
    Foto Andrea Di Grazia / LaPresse
  • Foto Andrea Di Grazia / LaPresse
    Foto Andrea Di Grazia / LaPresse
  • Foto Andrea Di Grazia / LaPresse
    Foto Andrea Di Grazia / LaPresse
  • Foto Andrea Di Grazia / LaPresse
    Foto Andrea Di Grazia / LaPresse
  • Foto Andrea Di Grazia / LaPresse
    Foto Andrea Di Grazia / LaPresse
  • Foto Andrea Di Grazia / LaPresse
    Foto Andrea Di Grazia / LaPresse
  • Foto Andrea Di Grazia / LaPresse
    Foto Andrea Di Grazia / LaPresse
  • Foto Andrea Di Grazia / LaPresse
    Foto Andrea Di Grazia / LaPresse
  • Foto Andrea Di Grazia / LaPresse
    Foto Andrea Di Grazia / LaPresse
  • Foto Andrea Di Grazia / LaPresse
    Foto Andrea Di Grazia / LaPresse
  • Foto Andrea Di Grazia / LaPresse
    Foto Andrea Di Grazia / LaPresse
  • Foto Andrea Di Grazia / LaPresse
    Foto Andrea Di Grazia / LaPresse
  • Foto Andrea Di Grazia / LaPresse
    Foto Andrea Di Grazia / LaPresse
  • Foto Andrea Di Grazia / LaPresse
    Foto Andrea Di Grazia / LaPresse
  • Foto Andrea Di Grazia / LaPresse
    Foto Andrea Di Grazia / LaPresse
  • Foto Andrea Di Grazia / LaPresse
    Foto Andrea Di Grazia / LaPresse
  • Foto Andrea Di Grazia / LaPresse
    Foto Andrea Di Grazia / LaPresse
  • Foto Andrea Di Grazia / LaPresse
    Foto Andrea Di Grazia / LaPresse
  • Foto Andrea Di Grazia / LaPresse
    Foto Andrea Di Grazia / LaPresse
  • Foto Andrea Di Grazia / LaPresse
    Foto Andrea Di Grazia / LaPresse
  • Foto Andrea Di Grazia / LaPresse
    Foto Andrea Di Grazia / LaPresse
/
MeteoWeb

I danni più gravi del terremoto di magnitudo 4.9 che alle 3:19 della notte ha colpito l’area etnea vicino Catania, si sono verificati a Fleri, Monterosso e Santa Venerina sulla pericolosa faglia di Fiandaca, nel territorio di Zafferana Etnea.

Etna, il terremoto di oggi a Catania: la storia si ripete (ma non insegna nulla)