Terremoto, crolli a Camerino: evacuati 750 studenti universitari [FOTO LIVE]

/
MeteoWeb

A Camerino dopo la scossa delle 21:18 il campanile della chiesa di Santa Maria in Via, gia’ danneggiata dal sisma del 24 agosto, e’ crollato su una palazzina. Li’ si sta concentrando il lavoro dei vigili del fuoco, anche se non si pensa che ci fossero dentro delle persone. Lo ha reso noto l’ufficio stampa del Comune. Molte persone erano comunque fuori casa dopo la scossa precedente delle 19:11. Molti i crolli nel centro e nelle frazioni.  Da verifiche dei vigili del fuoco al momento non risulta ci siano persone coinvolte dai crolli di Camerino e S.Angelo in Pontano. Lo si legge nel profilo twitter del Corpo dei vigili del fuoco. I 750 studenti che solitamente dormono nei collegi universitari di Camerino questa notte resterannno fuori. Lo si apprende dagli stessi responsabili dei collegi universitari. Non si registrano feriti. La Protezione Civile sta organizzando un punto di raccolta presso gli impianti sportivi.

“I danni sono significativi, il campanile e’ crollato. Non ci sono vittime, ma solo alcuni feriti non gravi. Mi preoccupa piu’ di tutto che in questo momento dal centro storico c’e’ solo una via di fuga. Naturalmente non facciamo entrare nessuno”. Lo afferma il sindaco di Camerino, Gianluca Pasqui, a Rainews24. Il campanile dovrebbe essere quello della Chiesa di Santa Maria in Via.

Nessuna vittima a causa del crollo del campanile della chiesa di Santa Maria in Via a Camerino, caduto sopra una palazzina con la scossa 5.9 delle 21:18 uno dei Comuni colpiti dall’evento sismico di oggi: lo ha confermato l’ufficio stampa del Comune. Una persona pero’ e’ rimasta ferita in modo lieve in un’altra parte della citta’.

Camerino, il più importante dei piccoli atenei italiani

L’Universita’ di Camerino e’ una delle eccellenze italiane: quest’anno si e’ confermata prima nella classifica che il Censis stila per la guida di Repubblica. Fondata come studium generale nel 1336, statale dal 1958, l’Universita’ di Camerino ha cinque Scuole di Ateneo: Architettura e Design, Bioscienze e Medicina Veterinaria, Giurisprudenza, Scienze del Farmaco e dei Prodotti della Salute, Scienze e Tecnologie. L’Ateneo ha oltre 8.000 studenti, con sedi anche ad Ascoli Piceno, Matelica e San Benedetto del Tronto. Settecentocinquanta sono quelli ospitati nella struttura principale, che questa notte e’ stata evacuata. La data a cui si fa risalire la fondazione dell’Universita’ di Camerino e’ il 1336: il papa Benedetto XII tramite il nunzio apostolico Bertrando di Deux concesse “la facolta’ di nominare capitani delle arti, consiglieri, notai di curia e delle riformanze”. L’istituzione a quell’epoca faceva capo al Comune di Camerino, in cui pero’ i Da Varano diventarono presto i signori. Gentile III Da Varano sollecito’ papa Gregorio XI ad emanare la bolla formalmente ancora indirizzata al Comune e al Popolo con cui con autorita’ apostolica autorizzava a nominare baccellieri e dottori. Nel 1727 papa Benedetto XIII con la bolla “Liberalium disciplinarum” riformo’ la Universitas Studii Generalis. Le facolta’ erano quelle tradizionali (teologia, giurisprudenza, medicina e matematica). L’Universita’ di Camerino riusci’ ad ottenere, oltre il riconoscimento papale, quello nel 1753: l’imperatore Francesco Stefano I di Asburgo Lorena accordo’ per tutto il territorio del Sacro Romano Impero alle sue lauree e ai suoi diplomi. In epoca napoleonica ci fu il rischio di una chiusura definitiva, ma con la Restaurazione i papi tornarono ad occuparsi di Camerino. Un rescritto del 30 settembre 1816 di papa Pio VII ne autorizzo’ la riapertura provvisoria, mentre fu nel 1824 il papa Leone XII con la bolla “Quod Divina sapientia” a dare stabilita’ all’ateneo. Fu in quell’epoca che la Facolta’ di Medicina e Chirurgia nacque un corso specifico di farmacia, che oggi e’ tra i piu’ antichi d’Italia. Nel 1861, con l’Unita’ d’Italia fu trovata la soluzione di lasciarla come Universita’ libera. Periodicamente ci furono iniziative per contenere il numero delle universita’ o quello di porre limitazioni a favore delle universita’ primarie, ma Camerino rimase come Universita’ libera. Nel 1958 l’Universita’ di Camerino divenne una Universita’ statale.