Violenta scossa di terremoto durante l’eruzione del Kilauea: è la più forte dal 1975, 14mila persone senza elettricità [DATI e MAPPE]

/
MeteoWeb

L’eruzione del vulcano Kilauea nelle Hawaii ha provocato un violento terremoto magnitudo 6.9: lo ha reso noto il Servizio geologico statunitense USGS, escludendo il rischio tsunami. Il sisma si è verificato alle 22:32 UTC di ieri a circa 16 km a sudovest della zona residenziale di Leilani sulla Grande Isola. In 14mila sono rimasti senza elettricità in seguito alla scossa: lo ha riferito la compagnia elettrica Hawaii Electric Light.

Secondo Janet Babb, portavoce dell’Osservatorio vulcanologico delle Hawaii, i numerosi terremoti registrati finora sull’isola riflettono il movimento del vulcano che si adatta allo spostamento del magma.

L’eruzione ha già distrutto una parte della foresta e costretto all’evacuazione di 1.700 persone. Le autorità hanno messo in guardia i residenti sul pericolo del gas solforico per gli anziani e le persone con problemi respiratori. Finora due abitazioni sono state inghiottite dalla lava. Le autorità hanno anche evacuato tutti i visitatori dal Parco nazionale che si trova sull’isola a causa delle frane provocate dalle scosse. Chiusi i campus dell’Università delle Hawaii a Hilo dell’Hawaii Community College. Al momento non si hanno notizie di vittime.

L’USGS ha segnalato che sono state registrate 119 scosse sulla Grande Isola nelle ultime 24 ore.

L’evento tellurico magnitudo 6.9 è il più forte registrato alle Hawaii dal 1975: il dato emerge dalla serie storica del Servizio geologico statunitense. Nel 1975 si era verificato un sisma 7.1 aveva colpito quasi la stessa identica area.