Terremoto in Nepal: 7.557 vittime, i soccorsi raggiungono aree più isolate [FOTO]

  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
/
MeteoWeb

La situazione nel paese si sta gradualmente normalizzando, si cerca di tornare a una vita normale

Il bilancio del terremoto del 25 aprile in Nepal è salito oggi a 7.557 vittime accertate e 14.536 feriti. Proseguono intanto le operazioni di soccorso per riuscire a raggiungere i villaggi ancora isolati e portare aiuto ai sopravvissuti.
Al lavoro ci sono 131.500 soldati e agenti nepalesi, supportati da un centinaio di squadre di soccorso inviate da Paesi stranieri. Gli elicotteri militari americani continuano a compiere sorvoli di ricognizione per fornire una prima stima dei danni e a breve cominceranno anche a distribuire gli aiuti e a prelevare i feriti.
“La situazione nel paese si sta gradualmente normalizzando poiché gli aiuti stanno ormai raggiungendo le aree più colpite dal sisma”, ha detto il portavoce del ministero degli Interni, Laxmi Prasad Dhakal. “Tutti cercano di tornare a una vita normale e la macchina del governo sta facendo in modo che gli aiuti vengano consegnati a tutte le persone che ne hanno bisogno. Stiamo cercando di fare del nostro meglio”.