Terremoto in Nepal: riaprono le scuole, difficile tornare alla normalità [FOTO]

  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
/
MeteoWeb

Il sisma ha danneggiato quasi 8.000 edifici scolastici e in alcune province, come Gorkha, Sindhupalchowk e Nuwakot, ne ha distrutto il 90%

Riaperte ufficialmente le scuole oggi in Nepal, dove migliaia di bambini sono tornati in classe alla ricerca di una normalita’ che resta difficile recuperare dopo il disastroso terremoto del 25 aprile che ha fatto circa 8.600 vittime e mentre continuano le scosse di assestamento. Il sisma ha danneggiato quasi 8.000 edifici scolastici e in alcune province, come Gorkha, Sindhupalchowk e Nuwakot, ne ha distrutto il 90%. La ripresa delle lezioni, dunque, in moltissimi casi e’ avvenuta in scuole di fortuna, sotto tettoie di bambu’ o in tende. Gli studenti sono stati invitati a parlare del terremoto e a condividere i racconti di cio’ che e’ accaduto alle loro famiglie.