Terremoto, ecco le “rotture” della faglia in superficie sul versante di Castelluccio di Norcia [GALLERY]

/
MeteoWeb

Il terremoto di magnitudo 6.0 delle 03.36 del 24 Agosto si è nella zona di transizione di due strutture geologiche distensive note in letteratura, in prossimità della terminazione Nord della faglia di M. Gorzano e della terminazione sud della faglia di M. Vettore.

A poche ore dal sisma, un gruppo di geologi (F. Brozzetti, D. Cirillo, F. Ferrarini. P. Boncio, F. Liberi) dell’Unità di ricerca di Chieti (responsabile, G. Lavecchia) presso il DISPUTer, del Centro di Ricerca InterUniversitario per la SismoTettonica (CRUST), ha iniziato l’attività di campagna ed ha individuato dei dati molto significativi sulle rotture cosismiche di superficie nell’area epicentrale.

Oggi un altro esperto, Paolo Galli, dai 2.000 metri del versante di Castelluccio di Norcia conferma i rilevamenti geologici con “fagliazioni di superficie”. Le foto rappresentano la linea fisica della faglia o delle faglie che hanno causato il terremoto, cioè l’evidenza in superficie della causa del terremoto.