Terremoto, Mattarella a Norcia: “Tutto il Paese è con voi” [GALLERY]

  • LaPresse/Ufficio Stampa Quirinal
    LaPresse/Ufficio Stampa Quirinal
  • LaPresse/Ufficio Stampa Quirinal
    LaPresse/Ufficio Stampa Quirinal
  • LaPresse/Ufficio Stampa Quirinal
    LaPresse/Ufficio Stampa Quirinal
  • LaPresse/Ufficio Stampa Quirinal
    LaPresse/Ufficio Stampa Quirinal
  • LaPresse/Ufficio Stampa Quirinal
    LaPresse/Ufficio Stampa Quirinal
  • LaPresse/Ufficio Stampa Quirinal
    LaPresse/Ufficio Stampa Quirinal
  • LaPresse/Ufficio Stampa Quirinal
    LaPresse/Ufficio Stampa Quirinal
/
MeteoWeb

“Sono stato a Ussita, a Preci, ora a Norcia per manifestare solidarietà a tutti i comuni colpiti dal Terremoto. Comuni, distribuiti tra Umbria, Marche Lazio, che non sono solo il centro geografico dell’Italia ma adesso anche il centro affettivo, perché in tutto il nostro Paese vi è un sentimento convinto e profondo di sostegno e solidarieta’ nei vostri confronti”. Lo ha detto il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, durante la sua visita alla scuola di Norcia. Il presidente della Repubblica ha sottolineato come vi sia comprensione di ciò che il Terremoto “comporta e ha comportato, le difficoltà, i traumi, l’angoscia per il futuro”. “In questa mattinata – ha proseguito – sto visitando delle scuole e delle aziende, perché le scuole e le aziende sono gli elementi la cui continuità garantisce la ripresa della vita di questi Comuni. Ma potete essere tranquilli – ha detto, rivolgendosi agli studenti, ai professori e alle altre persone presenti nella scuola-prefabbricato – che le Istituzioni sono e saranno vicine a voi, a tutte le persone dei Comuni colpiti dal sisma. Le istituzioniqui impersonate dal commissario per la ricostruzione, dalla presidente della Regione, dal sindaco – sono vicine e l’obiettivo della ricostruzione, forse richiedera’ qualche tempo, richiedera’ impegno, ma e’ un obiettivo che sara’ conseguito”. “Spero di non aver allungato il vostro permanere a scuola questa mattina”, ha aggiunto il capo dello Stato, strappando un sorriso agli studenti: “molti auguri, buono studio e complimenti per quel che fate“, ha concluso.