Terremoto: non ci sono vittime, decine di feriti ma nessuno grave. “Poteva andare molto peggio”

  • LaPresse/Settonce Roberto
    LaPresse/Settonce Roberto
  • LaPresse/Settonce Roberto
    LaPresse/Settonce Roberto
  • LaPresse/Settonce Roberto
    LaPresse/Settonce Roberto
  • LaPresse/Settonce Roberto
    LaPresse/Settonce Roberto
  • LaPresse/Settonce Roberto
    LaPresse/Settonce Roberto
  • LaPresse/Settonce Roberto
    LaPresse/Settonce Roberto
  • LaPresse/Settonce Roberto
    LaPresse/Settonce Roberto
  • LaPresse/Settonce Roberto
    LaPresse/Settonce Roberto
  • LaPresse/Settonce Roberto
    LaPresse/Settonce Roberto
/
MeteoWeb

Al momento non ci sono vittime“. Lo ha detto il capo della Protezione civile, Fabrizio Curcio, nel corso del suo secondo punto stampa, precisando che “non ci sono feriti gravi“. “C’e’ una, due, tre persone – aggiunge – che sono state soccorse dal corpo nazionale o dal 118 e ci sono una serie di persone che si sono recate spontaneamente, l’ordine di grandezza e’ di qualche decina, ma al momento non registriamo situazioni gravi“. “Le notizie non sono cosi’ catastrofiche come si poteva temere dopo due terremoti di magnitudo 5,9 e 5,4“. Lo sostiene il capo della protezione civile Curcio nel suo secondo punto stampa a Rieti. “La situazione sulla viabilita’ e’ e resta difficile sull’area, sono in corso verifiche sull’intero tessuto, al momento rinnovo l’invito a non spostarsi nelle aree colpite dai fenomeni se non per estrema necessita’. Non si registrano crolli che al momento impongono la ricerca di persone sotto le macerie, e non si stanno cercando persone sotto le macerie. Le condizioni meteo e la scarsa luce rendono piu’ difficili le operazioni, ma fin dai primi minuti dopo i fenomeni sismici abbiamo raggiunto tutti i paesi coinvolti“.  Al momento sono due le squadre specializzate nelle ricerca di eventuali persone rimaste sotto le macerie, in tutto 72 persone, ma gli uomini sul posto non segnalano notizie che ci siano dispersi. La certezza, comunque, arrivera’ nelle prossime ore.