Terremoto, nuova forte scossa in Indonesia: torna la paura a Lombok [MAPPE e DATI]

  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
/
MeteoWeb

Torna la paura in Indonesia, a soli 4 giorni dal fortissimo terremoto di magnitudo 6.9 che ha causato 381 vittime e numerosi feriti.

Una nuova forte scossa, di magnitudo 5.9, ha colpito oggi l’isola di Lombok: lo rende noto l’Istituto geofisico americano (Usgs). Secondo l’agenzia geologica indonesiana, invece, il sisma aveva una magnitudo di 6.2.

Il terremoto, ha aggiunto l’agenzia, non ha il potenziale di provocare uno tsunami. Si tratta della terza grande scossa in poco più di una settimana.

Il terremoto è stato registrato alle 12.25 locali (0725 GMT) con il suo epicentro a 6 chilometri a nord-ovest del distretto di Lombok settentrionale. L’ipocentro è stato registrato a 12 km di profondità con epicentro del nordest dell’isola, ha detto l’Agenzia meteorologica, climatica e geofisica che in tutto ha registrato 355 scosse di assestamento dal terribile terremoto di domenica. Continua a salire intanto il bilancio delle vittime.

Sono invece circa 1.500 le persone ricoverate in ospedale con gravi ferite e oltre 156.000 gli sfollati. Il governo locale ha distribuito 100 tonnellate di riso e 200 camion sono stati dispiegati per fornire cibo, coperte, acqua e vestiti alle aree colpite. Ma alcuni sopravvissuti hanno dichiarato di non aver ricevuto ancora nessun tipo di aiuto quattro giorni dopo il disastro.