Terremoto: Pescara del Tronto “un paese cancellato” [GALLERY]

  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
/
MeteoWeb

“Un paese cancellato”. A Pescara del Tronto, frazione del comune di Arquata del Tronto, nell’ascolano i soccorritori da ore scavano per cercare i dispersi del violento sisma che questa notte ha colpito il centro Italia. “E’ difficile ipotizzare quante persone ci siano sotto le macerie – racconta un soccorritore all’Adnkronos – perché in estate in tanti rientrano qui in paese per trascorrere le ferie. Temiamo che il bilancio possa aggravarsi”. Tra le macerie dei palazzi crollati tra i centinaia i soccorritori al lavoro alla ricerca di superstiti trentacinque uomini del soccorso alpino delle Marche che stanno operando nella zona con l’ausilio delle unità cinofile arrivate anche dal Friuli Venezia, dalla Calabria, dal Veneto e dalla Lombardia.