Terremoto, Renzi: “Vicinanza e solidarietà a Camerino”

  • LaPresse/Palazzo Chigi/Tiberio Barchielli
    LaPresse/Palazzo Chigi/Tiberio Barchielli
  • LaPresse/Palazzo Chigi/Tiberio Barchielli
    LaPresse/Palazzo Chigi/Tiberio Barchielli
  • LaPresse/Palazzo Chigi/Tiberio Barchielli
    LaPresse/Palazzo Chigi/Tiberio Barchielli
  • LaPresse/Palazzo Chigi/Tiberio Barchielli
    LaPresse/Palazzo Chigi/Tiberio Barchielli
  • LaPresse/Palazzo Chigi/Tiberio Barchielli
    LaPresse/Palazzo Chigi/Tiberio Barchielli
  • LaPresse/Palazzo Chigi/Tiberio Barchielli
    LaPresse/Palazzo Chigi/Tiberio Barchielli
/
MeteoWeb

“Ieri ho dovuto cancellare due appuntamenti politici, ma era doveroso essere in un’altra città universitaria che è Camerino, che abbiamo nel cuore e a cui mandiamo tutta la nostra solidarietà e vicinanza. Lancio un ponte universitario tra Camerino e Padova esprimendo gratitudine alla protezione civile, vigili del fuoco e volontari”. Lo ha detto il presidente del consiglio, Matteo Renzi nel suo intervento all’Università di Padova.

“E’ evidente – ha spiegato Renzi – che se dobbiamo essere in prima fila nella ricostruzione a regola d’arte evitando le polemiche del passato, il problema è la mancata scommessa strategica sul futuro. Abbiamo di fronte una realtà sismica, tre terremoti in sette anni, per cui c’ è bisogno di un grande sforzo a livello progettuale animato dalla politica perché la prima responsabilità della classe politica è di utilizzare i migliori cervelli del mondo universitario per la prevenzione. Attraverso il Progetto ‘casa Italia’che necessita di un investimento che durerà trenta anni, fondamentale per il futuro Paese e l’Università dovrà darci una mano”, ha concluso il premier.