Terremoto tra Pakistan e Afghanistan: allarme per i bambini, tra mille difficoltà [FOTO]

  • LaPresse/Xinhua
    LaPresse/Xinhua
  • LaPresse/Xinhua
    LaPresse/Xinhua
  • LaPresse/Xinhua
    LaPresse/Xinhua
  • LaPresse/Xinhua
    LaPresse/Xinhua
  • LaPresse/Xinhua
    LaPresse/Xinhua
  • LaPresse/Xinhua
    LaPresse/Xinhua
  • LaPresse/Xinhua
    LaPresse/Xinhua
  • LaPresse/Xinhua
    LaPresse/Xinhua
  • LaPresse/Xinhua
    LaPresse/Xinhua
  • LaPresse/Xinhua
    LaPresse/Xinhua
  • LaPresse/Xinhua
    LaPresse/Xinhua
  • LaPresse/Xinhua
    LaPresse/Xinhua
  • LaPresse/Xinhua
    LaPresse/Xinhua
/
MeteoWeb

Si teme per i bambini che rischiano di essere vittime di crolli, freddo, denutrizione e malattie. L’emergenza umanitaria è aggravata da clima, isolamento del territorio e presenza della militanza talebana

E’ stato lanciato per i bambini che rischiano di essere vittime di crolli, freddo, denutrizione e malattie, ma anche del conflitto in corso e dell’azione di trafficanti di esseri umani. L’emergenza umanitaria e’ gia’ evidente e aggravata da tre fattori principali: clima, isolamento del territorio e presenza della militanza talebana su entrambi i lati del confine. Ieri i Talebani hanno sollecitato le iniziative di soccorso a mobilitarsi senza timore per portare aiuti a decine di migliaia di individui, mentre sono in corso le cerimonie di sepoltura dei defunti. Altre vittime si aggiungono all’elenco dei morti provocati dal terremoto di magnitudo 7.5 che ha colpito le regioni confinanti di Afghanistan e Pakistan la mattina di lunedi’: hanno superato i 400, tra cui 287 in Pakistan. Oltre confine, il governo di Kabul a sua volta fatica a avviare soccorsi necessari in condizioni non migliori, soprattutto nel Badakhshan. Circa 120 le morti confermate e centinaia i feriti in almeno un terzo delle 34 provincie del paese interessate dal sisma. Proprio in Afghanistan, nella provincia di Takhar, una dozzina di studentesse sono morte durante il terremoto, schiacciate dalla gente in fuga dalla scuola.