Tesla: licenziamenti pur di abbassare il prezzo della Model 3 [GALLERY]

  • Tesla Model 3
    Tesla Model 3
  • Tesla Model 3
    Tesla Model 3
  • Tesla Model 3
    Tesla Model 3
  • Jaguar i-Pace
    Jaguar i-Pace
  • Jaguar i-Pace
    Jaguar i-Pace
  • Mercedes EQC
    Mercedes EQC
  • Mercedes EQC
    Mercedes EQC
  • Mercedes EQC
    Mercedes EQC
  • Mercedes EQC
    Mercedes EQC
  • Mercedes EQC
    Mercedes EQC
  • Audi e-tron
    Audi e-tron
  • Audi e-tron
    Audi e-tron
  • Audi e-tron
    Audi e-tron
  • Audi e-tron
    Audi e-tron
  • Audi e-tron
    Audi e-tron
/
MeteoWeb

In aggiunta alle previsioni di tagli del giugno scorso, Elon Musk, CEO di Tesla, tramite una lettera inviata ai dipendenti annuncia la necessità di ridurre ulteriormente la forza lavoro del 7%.

La motivazione dell’amministratore delegato trova le sue ragioni nella necessità di aumentare le vendite di Model 3 riducendone i prezzi.
Secondo Musk è indispensabile raggiungere un numero maggiore di clienti riducendo il costo d’acquisto dell’auto perciò, per l’azienda, è inevitabile ridurre il costo del personale e quindi gli oneri produttivi pur di ridurre i prezzi.

In realtà le difficoltà per gli americani costruttori dell’auto elettrica di lusso arrivano da più fronti.
Il settore è sempre in fermento e i competitors non stanno a guardare, soprattutto in Germania. Nella patria dei brand di auto premium infatti Tesla deve vedersela con avversari del calibro di Audi e-tron, Mercedes EQC e Jaguar I-Pace.

Non solo, la concorrenza arriva anche dal basso basti pensare ad auto come la Nissan Leaf, l’elettrica più venduta al mondo a circa 35.000 dollari, ed ecco spiegato il motivo che spinge Musk a rivedere al ribasso il posizionamento di prezzo della sua Model 3.