Missionario ucciso a North Sentinel, ora la misteriosa tribù potrebbe essere completamente annientata [FOTO e VIDEO]

/
MeteoWeb

L’isola indiana di North Sentinel è un avamposto di una catena di isole, molto più vicina alla Birmania e alla Thailandia di quanto non lo sia all’India. Per migliaia di anni, gli abitanti dell’isola sono rimasti isolati dal mondo. Usano lance e arco e frecce per cacciare gli animali che vagano nella piccola isola di folte foreste e raccolgono piante da mangiare o trasformare in capanne. I loro primi vicini si trovano a oltre 50km di distanza. Profondamente sospettosi degli estranei, attaccano chiunque si avvicini alle loro spiagge. Proprio quello che è successo al giovane americano John Allen Chau, ucciso per mano degli indigeni dopo aver pagato dei pescatori per portalo sull’isola.

Gli esperti credono che la tribù dei Sentinelesi sia migrata dall’Africa circa 50.000 anni fa, ma la maggior parte dei dettagli della loro vita rimane completamente sconosciuta. “Non sappiamo neanche quanti ce ne siano”, ha detto Anvita Abbi, che ha trascorso gli ultimi decenni a studiare i linguaggi tribali delle isole indiane Andamane e Nicobare. Le stime sulle dimensioni della tribù vanno da poche decine a poche centinaia di persone. Della lingua non si conosce nulla. Il giovane americano ucciso nei giorni scorsi, teneva un diario in cui annotava gli eventi del suo tentativo di entrare in contatto con la tribù e a proposito della lingua scriveva: “Il linguaggio della tribù ha molti suoni altamente acuti coma ba, pa, la e as”. Chau, inoltre, stimava che ci siano circa 250 abitanti sull’isola, con almeno 10 persone che vivono in ogni capanna.

Abbi aggiunge che “nessuno ha contatti con queste persone” e che la situazione dovrebbe restare così. “Solo per la nostra curiosità, perché dovremmo disturbare una tribù che ha vissuto per decine di migliaia di anni?”, ha spiegato. Per generazioni, le autorità indiane hanno strettamente vietato le visite a North Sentinel, con contatti limitati a rari incontri per consegnare beni, con piccoli team di ufficiali e scienziati che lasciavano noci di cocco e banane alle tribù. Qualsiasi contatto con persone così isolate può essere pericoloso, sostengono gli esperti, poiché non hanno resistenza alle malattie che potrebbero portare gli estranei. Anche una lieve influenza potrebbe ucciderli, secondo quanto dichiarato da P. C. Soshi, professore di antropologia della Delhi University.

Molte altre tribù della catena di isole sono state decimate nel corso dell’ultimo secolo a causa di malattie, matrimoni tra consanguinei e migrazione. Survival International, un’organizzazione che lavora per i diritti degli indigeni, ha dichiarato che Chau potrebbe essere stato incoraggiato dai recenti cambiamenti alle leggi indiane sulle visite alle isole più remote delle Andamane. Anche se sono ancora richiesti permessi speciali, ora le visite sono teoricamente concesse in alcune parti delle Andamane dove prima erano totalmente vietate.

Secondo l’organizzazione, le tribù che abitano il gruppo di isole dell’Oceano Indiano sono ora in pericolo per ulteriori contatti con il mondo esterno, che potrebbero portare germi e malattie dai quali non sono protetti, così come per lo sfruttamento delle terre per mano degli invasori. “Questa tragedia non sarebbe mai dovuta avvenire. Le autorità indiane avrebbero dovuto rinforzare la protezione della tribù Sentinelese e della loro isola per la sicurezza sia della tribù che degli estranei. Invece, pochi mesi fa le autorità hanno rimosso una delle restrizioni che stava proteggendo l’isola della tribù Sentinelese dai turisti, il che ha mandato esattamente il messaggio sbagliato, e questo potrebbe aver contribuito a questo terribile evento. Non è impossibile che i Sentinelesi siano appena stati infettati da agenti patogeni letali per i quali non hanno protezione, con il potenziale di annientare l’intera tribù”, dichiara Stephen Corry, direttore dell’organizzazione.

I Sentinelesi hanno dimostrato sempre di più di voler essere lasciati soli e dovremmo rispettare la loro volontà. L’occupazione britannica delle Andamane ha decimato le tribù che vivevano lì, uccidendo migliaia di persone e ora sopravvive solo una piccola parte della popolazione originale. Quindi, la paura dei Sentinelesi per gli estranei è molto comprensibile. Le tribù isolate dovrebbero avere le loro terre adeguatamente protette. Sono le persone più vulnerabili sul pianeta. Intere popolazioni sono state annientate dalla violenza degli invasori che hanno rubato le loro terre e le loro risorse e dalle malattie, come influenza e morbillo, per le quali non hanno resistenza. Le tribù come i Sentinelesi affronteranno una catastrofe se la loro terra non verrà protetta. Spero che questa tragedia faccia da campanello d’allarme alle autorità indiane per evitare un altro disastro e proteggere adeguatamente le terre dei Sentinelesi e delle altre tribù delle Andamane, da ulteriori invasori”, ha concluso Corry.

Esiste anche una serie di società che organizzano vacanze che offrono safari nelle parti meno soggette a restrizioni delle Andamane. Tuttavia, anche questi safari mettono in pericolo le tribù che vivono lì sfruttando l’isola e disturbando le persone che ci vivono.  “Continuiamo a sottolineare che non dovrebbero esserci ulteriori tentativi di entrare in contatto con i Sentinelesi, esortando l’amministrazione delle Andamane ad aderire a questo mettendo uno stop alla caccia intorno all’isola, che ha portato alla morte di due pescatori nel 2006. Qualsiasi contatto umano alla fine porterà a tragiche conseguenze per entrambe le parti”, ha dichiarato Miriam Ross (Survival International). Allo stato attuale, il futuro di questa regione isolata è molto incerto.

https://www.facebook.com/TheDarjeelingChronicle/videos/506988313113539/