Turchia, ecco la “città fantasma” di Burj Al Babas: centinaia di identici e lussuosi mini-castelli rimasti incompleti [FOTO]

/
MeteoWeb

Da lontano, Burj Al Babas sembra a tutti gli effetti un modellino di tantissimi castelli in stile Disney vicinissimi gli uni agli altri. Le case sono tutte uguali: torri blu e grigie e strutture gotiche circondate da dolci colline e foreste, che fanno immergere in un’atmosfera fiabesca. Più o meno a metà strada tra Istanbul e Ankara, Burj Al Babas conterrà 732 “mini-castelli” identici quando, o forse è meglio dire, se verrà completata.

I lavori sono iniziati nel 2014 e lo sviluppatore, Sarot Group, aveva l’obiettivo di attrarre ricchi compratori stranieri attraverso l’estetica lussuosa delle sue abitazioni. Invece, centinaia di case sono rimaste incompiute quando il drammatico crollo dell’economica turca ha portato il gruppo alla bancarotta. Nell’ottobre del 2018, il tasso di inflazione della Turchia ha raggiunto il 25%, il più alto degli ultimi 15 anni. Questo balzo è stato ampiamente influenzato dal declino della moneta nazionale, la lira.

Tutte le case del complesso sono identiche, con lo sviluppatore che si occupa dell’aspetto esterno e i compratori liberi di personalizzare il layout interno. Le case, tutte costruite secondo lo stile dei mini-castelli francesi, sono alte 3 piani con una torretta tonda e una quadrata sui loro ingressi. Sono posizionate molto vicine le une alle altre su lotti di 324m² su un sito rurale vicino alla città di Mudurnu, nella Turchia nordoccidentale.

Al centro del complesso residenziale, è in corso anche la costruzione di un edificio con una classica cupola. Questo edificio è inteso come il centro della comunità del complesso e conterrà negozi, cinema, ristoranti, sale conferenza, piccole sale riunioni e un asilo. Dovrebbe includere anche centri fitness, come bagni turchi, sauna e un’acqua park, con campi di basket, tennis e calcio costruiti tutto intorno.

Prima che andasse in bancarotta, lo sviluppatore aveva completato 587 case. Circa 350 sono state vendute a investitori arabi. I castelli vengono venduti a 370.000-530.000 dollari. Nonostante la costruzione ora sia stata interrotta, il vicepresidente di Sarot Group, Mezher Yerdelen, ha dichiarato di sperare nella continuazione dei lavori. “Il progetto vale 200 milioni di dollari. Dobbiamo vendere 100 ville per pagare il nostro debito. Credo che potremmo uscire da questa crisi in 4-5 mesi e inaugurare parzialmente il progetto nel 2019”, ha concluso. Intanto, attraverso le foto contenute nella gallery a corredo dell’articolo, godetevi lo spettacolo a metà strada tra il fiabesco e lo spettrale.