Un orso polare gigante davanti alla Shell: la protesta di Greenpeace a Londra [FOTO]

  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/PA
    LaPresse/PA
  • LaPresse/PA
    LaPresse/PA
  • LaPresse/PA
    LaPresse/PA
  • LaPresse/PA
    LaPresse/PA
  • LaPresse/PA
    LaPresse/PA
  • LaPresse/PA
    LaPresse/PA
  • LaPresse/PA
    LaPresse/PA
  • LaPresse/PA
    LaPresse/PA
  • LaPresse/PA
    LaPresse/PA
  • LaPresse/Zuma Press
    LaPresse/Zuma Press
  • LaPresse/Zuma Press
    LaPresse/Zuma Press
  • LaPresse/Zuma Press
    LaPresse/Zuma Press
  • LaPresse/Zuma Press
    LaPresse/Zuma Press
  • LaPresse/Zuma Press
    LaPresse/Zuma Press
  • LaPresse/Zuma Press
    LaPresse/Zuma Press
  • LaPresse/Zuma Press
    LaPresse/Zuma Press
  • LaPresse/Zuma Press
    LaPresse/Zuma Press
  • LaPresse/Zuma Press
    LaPresse/Zuma Press
  • LaPresse/Zuma Press
    LaPresse/Zuma Press
  • LaPresse/Zuma Press
    LaPresse/Zuma Press
  • LaPresse/Zuma Press
    LaPresse/Zuma Press
  • LaPresse/Zuma Press
    LaPresse/Zuma Press
  • LaPresse/Zuma Press
    LaPresse/Zuma Press
  • LaPresse/Zuma Press
    LaPresse/Zuma Press
  • LaPresse/Zuma Press
    LaPresse/Zuma Press
  • LaPresse/Zuma Press
    LaPresse/Zuma Press
  • LaPresse/Zuma Press
    LaPresse/Zuma Press
  • LaPresse/Zuma Press
    LaPresse/Zuma Press
  • LaPresse/Zuma Press
    LaPresse/Zuma Press
  • LaPresse/Zuma Press
    LaPresse/Zuma Press
  • LaPresse/Zuma Press
    LaPresse/Zuma Press
  • LaPresse/Zuma Press
    LaPresse/Zuma Press
  • LaPresse/Zuma Press
    LaPresse/Zuma Press
/
MeteoWeb

Aurora – così è stato chiamato l’orso polare – resterà di fronte all’ingresso dell’edificio fino alla fine di settembre, spiegano gli attivisti in una nota

Un orso polare gigante nel cuore di Londra davanti al quartiere generale della Shell. Con questa maxi riproduzione – alta quanto un autobus a due piani – una sessantina di attivisti di Greenpeace ha manifestato davanti al palazzo della multinazionale petrolifera anglo-olandese contro le trivellazioni nell’Artico. In prima fila l’attrice Emma Thompson. Aurora – cosi’ e’ stato chiamato l’orso polare – restera’ di fronte all’ingresso dell’edificio fino alla fine di settembre, spiegano gli attivisti in una nota, ovvero fino al termine della finestra temporale che Shell ha a disposizione per cercare idrocarburi nell’Artico prima dell’arrivo dell’inverno. L’orso e’ anche una specie di cavallo di Troia: dentro ci sono sei attivisti, incatenati ad esso in modo che non possa essere spostato. Emma Thompson ha dichiarato che sara’ la prima tra le decine di persone che disobbediranno all’ingiunzione legale che vieta al personale di Greenpeace UK e agli attivisti di oltrepassare una linea tracciata intorno all’edificio Shell di Londra. Nel pomeriggio l’attrice tentera’ di attaccare sul palazzo la stampa gigante di una zampa su cui sono riportati migliaia di nomi di persone che hanno aderito alla campagna SaveTheArctic, quasi 7 milioni in tutto il mondo. Aurora fara’ sentire forte la sua voce: durante la sua permanenza emettera’ un ruggito attraverso la porta anteriore, per chiedere al gigante petrolifero – che due settimane fa ha ottenuto il via libera alle trivellazioni dal presidente Obama – di disattivare i suoi impianti di perforazione e abbandonare l’Artico. Tali trivellazioni, spiegano gli attivisti, sono “estremamente rischiose”. Uno sversamento di petrolio avrebbe pensanti conseguenze sull’ecosistema.