Uragano Florence: la East Coast degli Stati Uniti col fiato sospeso, milioni di persone nelle aree a rischio [GALLERY]

  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
/
MeteoWeb

Il National Weather Service, il servizio meteo nazionale statunitense, ha reso noto che oltre 5.4 milioni di persone vivono in aree attualmente sotto allerta o sorveglianza uragani e altre 4 milioni sono sotto sorveglianza per tempesta tropicale. A un milione è stata ordinata l’evacuazione.
Le autostrade sono intasate per la grande fuga dalla zone costiere: molti residenti hanno deciso di obbedire agli ordini di evacuazione, altri hanno scelto di resistere e sfidare la furia di Florence, che è ancora lontano dalla costa, ma viaggia a velocità molto alta: alle ore 5 di stamattina ora italiana, si trovava a 1.075 km a Est-Sudest di Cape Fear e viaggiava in direzione ovest-nordovest: il National Hurricane Center prevede che quando toccherà terra sarà ancora molto potente, di 3ª categoria, con venti estremamente forti.

Attualmente il rischio maggiore riguarda Carolina del Nord e del Sud, a causa del “landfall” dell’uragano Florence, atteso per venerdì.

uragano florenceAlmeno due gli ospedali evacuati nella Carolina del Sud, il Tidelands Waccamaw Community Hospital e il Georgetown Memorial Hospital, che hanno trasferito i pazienti in altre strutture lontano dalla costa.

La Fema, ovvero la protezione civile statunitense, ha già distribuito 8 milioni di pacchi di viveri e acqua nella Carolina del Nord, del Sud e in Virginia.

Il governatore delle North Carolina Roy Cooper ha ammonito che restare sarebbe un grande errore e che “questo è un uragano storico, di quelli che forse vedrai una volta sola nella vita“. Anche il presidente Donald Trump ha esortato gli abitanti delle zone più a rischio di lasciare le proprie case. “Vi chiediamo di andarvene, questa tempesta sarà la più grande mai vista, forse, in decenni“.

Lo stato d’emergenza è stato dichiarato in Maryland, Carolina del Nord e del Sud, Virginia e Washington, temendo in particolare piogge torrenziale e inondazioni: entro sabato, per parti delle due Caroline e della Virginia, l’NHC prevede oltre 50 cm di pioggia.