Uragano Florence, gli Stati Uniti d’America si preparano all’inferno: milioni di evacuati dalla costa atlantica

/
MeteoWeb

Gli Stati Uniti d’America si preparano all’inferno di maltempo che nei prossimi giorni l’Uragano “Florence” scatenerà nell’area più densamente abitata del Paese, abbattendosi in modo particolare su Nord e Sud Carolina, Virginia, Maryland, Delaware, New Jersey, Pennsylvania, New York e Connecticut. Milioni di persone sono già in fuga dalle coste dell’Oceano Atlantico, dov’è stata ordinata l’evacuazione. C’è grande preoccupazione per le inondazioni provocate dal terribile mix di piogge torrenziali (persistenti per più giorni, dalla metà di questa settimana all’inizio della prossima dalle coste atlantiche fino agli Appalachi) e dalle furiose mareggiate.

La tempesta è diventata in poche ore un “mostro” di 4ª categoria sulla Scala Saffir-Simpson, e con questa stessa intensità dovrebbe abbattersi sul litorale della Carolina (al confine tra Nord e Sud) tra Giovedì pomeriggio e Venerdì notte. Una situazione “potenzialmente catastrofica” per le autorità americane che hanno già attivato tutti i piani d’emergenza non solo per la costa. Le piogge torrenziali, infatti, colpiranno anche le zone interne degli Stati orientali USA.

Il panico è tale che sono già andati a ruba tutti i kit d’emergenza, i generatori di corrente, grandi riserve di acqua minerale, sacchi di sabbia, tavole di compensato, apriscatole manuali e molti altri oggetti di sopravvivenza. Milioni di persone sono già stati evacuati dai litorali, e gli scenari dei modelli preoccupano soprattutto per la durata dell’Uragano che dovrebbe imperversare senza sosta da Giovedì 13 Settembre almeno fino a Martedì 18.