Uragano Maria, gli ultimi aggiornamenti: tempesta sempre più vicina all’Europa, massima allerta nel Mare del Nord

/
MeteoWeb

Uragano Maria – Gli ultimi aggiornamenti sull’Uragano “Maria”, ormai declassato a tempesta tropicale ma ancora molto violento con venti a 105km/h nel cuore dell’oceano Atlantico, sono impressionanti per il Nord Europa: la tempesta arriverà nel vecchio continente nella giornata di Lunedì 2 Ottobre, come ampiamente annunciato nei precedenti bollettini, e colpirà dapprima le isole Britanniche per poi concentrarsi nel Mare del Nord, rinforzandosi ulteriormente con un minimo barico di circa 975hPa tra Lunedì 2 e Martedì 3 Ottobre. A farne le spese saranno soprattutto Norvegia, Svezia e Danimarca, i Paesi più colpiti dalle piogge torrenziali e dai venti impetuosi che spazzeranno il Mare del Nord con raffiche di oltre 130km/h, provocando seri problemi alle numerose piattaforme petrolifere installate in quest’area. Anche la Scozia e l’Inghilterra saranno colpite in modo molto pesante da “Maria”, che nella serata di Lunedì 2 Ottobre attiverà una squall-line temporalesca molto cattiva verso Belgio, Paesi Bassi, Germania settentrionale e Paesi Baltici dove Martedì 3 arriveranno forti piogge e temporali, in estensione nel corso della giornata anche al resto della Germania e infine anche alle zone Alpine. “Maria”, così, impattando sulle Alpi si sfalderà: la catena montuosa, infatti, proteggerà l’Italia dall’arrivo della tempesta. Ecco le pagine utili per seguire la situazione meteo in tempo reale: