Uragano Matthew: da Mitch a Katrina ecco gli uragani più forti degli ultimi vent’anni [GALLERY]

  • L'Uragano Mitch devasta l'Honduras nel 1998
    L'Uragano Mitch devasta l'Honduras nel 1998
  • L'Uragano Mitch devasta l'Honduras nel 1998
    L'Uragano Mitch devasta l'Honduras nel 1998
  • Uragano Isabel 2003
    Uragano Isabel 2003
  • Uragano Isabel 2003
    Uragano Isabel 2003
  • Uragano Isabel 2003
    Uragano Isabel 2003
  • Uragano Mitch, 1998
    Uragano Mitch, 1998
  • LaPresse/Reuters- New Orleans dopo il passaggio dell'uragano Katrina (2005)
    LaPresse/Reuters- New Orleans dopo il passaggio dell'uragano Katrina (2005)
  • LaPresse/Reuters - New Orleans dopo il passaggio dell'uragano Katrina (2005)
    LaPresse/Reuters - New Orleans dopo il passaggio dell'uragano Katrina (2005)
  • LaPresse/Zumapress New Orleans dopo il passaggio dell'uragano Katrina (2005)
    LaPresse/Zumapress New Orleans dopo il passaggio dell'uragano Katrina (2005)
  • LaPresse/Zumapress - New Orleans dopo il passaggio dell'uragano Katrina (2005)
    LaPresse/Zumapress - New Orleans dopo il passaggio dell'uragano Katrina (2005)
  • LaPresse/Zumapress - New Orleans dopo il passaggio dell'uragano Katrina (2005)
    LaPresse/Zumapress - New Orleans dopo il passaggio dell'uragano Katrina (2005)
  • LaPresse/Zumapress - New Orleans dopo il passaggio dell'uragano Katrina (2005)
    LaPresse/Zumapress - New Orleans dopo il passaggio dell'uragano Katrina (2005)
  • LaPresse/Zumapress
    LaPresse/Zumapress
  • LaPresse/Zumapress
    LaPresse/Zumapress
  • LaPresse/Zumapress
    LaPresse/Zumapress
  • New Orleans dopo il passaggio dell'uragano Katrina (2005)
    New Orleans dopo il passaggio dell'uragano Katrina (2005)
  • New Orleans dopo il passaggio dell'uragano Katrina (2005)
    New Orleans dopo il passaggio dell'uragano Katrina (2005)
  • LaPresse/EFE - Uragano Matthew 2016
    LaPresse/EFE - Uragano Matthew 2016
  • LaPresse/EFE - Uragano Matthew 2016
    LaPresse/EFE - Uragano Matthew 2016
  • LaPresse/Reuters - Uragano Matthew 2016
    LaPresse/Reuters - Uragano Matthew 2016
  • LaPresse/Reuters - Uragano Matthew 2016
    LaPresse/Reuters - Uragano Matthew 2016
  • LaPresse/Reuters - Uragano Matthew 2016
    LaPresse/Reuters - Uragano Matthew 2016
  • LaPresse/AbacaPress - Uragano Matthew 2016
    LaPresse/AbacaPress - Uragano Matthew 2016
  • LaPresse/AbacaPress - Uragano Matthew 2016
    LaPresse/AbacaPress - Uragano Matthew 2016
/
MeteoWeb

L’uragano Matthew – categoria 5 – sta causando pesanti danni e diverse decine di vittime nell’area caraibica, battendo record di potenza e distruzione. Come spiegato qui, un uragano è un ciclone tropicale in cui la velocità dei venti supera i 118 km/h. Viene usata la definizione “uragano” per i cicloni che avvengono nell’area della costa orientale degli Stati Uniti e nei Caraibi. Gli uragani possono essere più o meno violenti, e per questo si usa la scala Saffir-Simpson che li classifica in base alla velocità dei venti: si va dalla categoria 1 alla categoria 5. Quest’ultima è la più distruttiva: si parla di venti che superano i 250 km/h e che mettono quindi a dura prova molte infrastrutture costruite dall’uomo.

Ma quali sono stati gli uragani più forti – categoria 5 – degli ultimi anni nell’area dell’Oceano Atlantico?

mitch_uraganoL’uragano Mitch (1998): uno dei più catastrofici della storia. Causò oltre 11.000 morti. Si sviluppò fra il 22 ottobre ed il 9 novembre del 1998. A quel tempo venne classificato come il quarto uragano più forte da quando esistono rilevazione negli Stati Uniti. Colpì in maniera molto dura i paesi del Centro America, in particolare Honduras e Nicaragua, dove la coda dell’uragano scaricò precipitazioni record fino a 900 mm e dove vennero praticamente distrutte tutte le principali arterie di comunicazione. Ci furono inondazioni e moltissime frane e colate di fango, che uccisero in questi due paesi rispettivamente settemila e 3800 persone. Altri paesi duramente colpiti furono Guatemala, El Salvador, Belize, Messico, Costa Rica, Panama, Giamaica e la Florida negli USA. L’uragano causò anche la morte dei 31 passeggeri del veliero Fantome.

isabel_2003_uraganoUragano Isabel (2003). Altro uragano di categoria 5, stavolta toccò terra negli USA, in Carolina del Nord, quando aveva parzialmente perduto forza. Le evacuazioni evitarono danni peggiori ma vi furono comunque decine di morti e 3 miliardi e mezzo di dollari di danni. I venti raggiunsero velocità di 270 km/h. Si spostò verso nord creando disagi e danni anche in regioni più settentrionali, con sospensioni dell’elettricità ed allagamenti in zone costiere.

Uragano Ivan (2004). L’anno successivo ad Isabel un nuovo uragano di categoria 5 scuote la costa orientale del centro America. Stavolta la più colpita è l’area dei Caraibi dove muoiono 64 persone, soprattutto nello stato di Grenada, ed in Giamaica. L’isola di Grand Cayman viene devastata, il 95% delle abitazioni viene distrutta.

Il 2005 è l’anno record degli uragani di categoria 5: se ne succedono ben quattro, uno dopo l’altro. Emily, Rita, Katrina e Wilma. Non era mai successo che in un solo anno ci fossero così tanti uragani come nel 2005 (ben quattordici) e di questi ben quattro di categoria 5. Vi furono oltre duemila vittime, ed i danni furono enormi, valutati in oltre 100 miliardi di dollari.

LaPresse/Zumapress
LaPresse/Zumapress

L’uragano Katrina è quello più ricordato fra questi quattro, perché causò una catastrofe in Florida e Louisiana: la città di New Orlenas venne allagata da una inondazione catastrofica che fece quasi duemila vittime e mise allo scoperto un fallimentare sistema di protezione civile e sottolineò come le differenze sociali erano discriminanti anche in situazioni di emergenza.

2007: ancora un anno con molteplici uragani, ed ancora una volta sono più d’uno quelli con categoria 5, la più distruttiva. Dean e Felix fanno centinaia di vittime in Centro America.

Nove anni dopo, nel 2016 ecco l’uragano Matthewduramente colpiti i Caraibi, in quello che è considerato il peggior uragano dell’ultimo decennio. Le vittime sono già diverse decine, ed ora il ciclone tropicale si sta spostando verso la Florida, in un percorso già seguito da molteplici altre tempeste.