Uragano Matthew, paura in USA: ordine di evacuazione per 1 milione di persone, “andate via prima che sia troppo tardi” [GALLERY]

  • LaPresse/EFE
    LaPresse/EFE
  • LaPresse/EFE
    LaPresse/EFE
  • LaPresse/EFE
    LaPresse/EFE
  • LaPresse/EFE
    LaPresse/EFE
  • LaPresse/EFE
    LaPresse/EFE
  • LaPresse/EFE
    LaPresse/EFE
  • LaPresse/EFE
    LaPresse/EFE
  • LaPresse/EFE
    LaPresse/EFE
  • LaPresse/EFE
    LaPresse/EFE
  • LaPresse/EFE
    LaPresse/EFE
  • LaPresse/EFE
    LaPresse/EFE
  • LaPresse/EFE
    LaPresse/EFE
  • LaPresse/EFE
    LaPresse/EFE
  • LaPresse/EFE
    LaPresse/EFE
  • LaPresse/EFE
    LaPresse/EFE
  • LaPresse/EFE
    LaPresse/EFE
  • LaPresse/EFE
    LaPresse/EFE
/
MeteoWeb

Negli Stati Uniti fa paura l’arrivo dell’uragano Matthew: oltre un milione di persone sono interessate dagli ordini di evacuazione emanati in Florida, Georgia, South Carolina e North Carolina. Dopo aver seminato devastazione e morte ad Haiti, provocando finora almeno 17 morti nell’area caraibica, l’uragano ora si dirige verso nord-est. Può provocare pericolose inondazioni lungo tutta la costa atlantica degli Usa, tanto che il presidente Barack Obama ha messo in guardia la popolazione ed ha invitato le popolazioni a eseguire gli ordini di evacuazione: “Si può riparare e ricostruire ma non si può riportare indietro una vita persa“.

LaPresse/EFE
LaPresse/EFE

Secondo Il Nationah Hurricane Center, la tempesta potrebbe essere la peggiore a colpire il sud degli Stati Uniti in quasi un decennio. Secondo i dati diffusi dall’organizzazione umanitaria Oxfam, tra Haiti e la repubblica Dominicana gli sfollati sono 32 mila, e il pericolo maggiore adesso sono le epidemie a causa delle acque contaminate.

Ora Matthew è in rotta verso le Bahamas, sta acquistando forza e potrebbe passare di nuovo a categoria 4, arrivando in Florida tra giovedì e venerdì: il governatore ha invitato tutti i residenti a fare scorte di cibo e acqua per almeno tre giorni e a prepararsi all’interruzione di energia elettrica ed ha dichiarato anche che Matthew potrebbe provocare un livello di devastazione che non si vedeva dai tempi di Andrew nel 1992. “Questa è una tempesta pericolosa, non è mai troppo presto per evacuare. Andate via prima che sia troppo tardi e non mettere a rischio inutilmente la vita dei soccorritori“.