Uragano Ophelia: caldo e incendi alimentati dal vento in Spagna, 3 morti in Galizia [GALLERY]

  • LaPresse/EFE
    LaPresse/EFE
  • LaPresse/EFE
    LaPresse/EFE
  • LaPresse/EFE
    LaPresse/EFE
  • LaPresse/EFE
    LaPresse/EFE
  • LaPresse/EFE
    LaPresse/EFE
  • LaPresse/EFE
    LaPresse/EFE
  • LaPresse/EFE
    LaPresse/EFE
  • LaPresse/EFE
    LaPresse/EFE
  • LaPresse/EFE
    LaPresse/EFE
  • LaPresse/EFE
    LaPresse/EFE
  • LaPresse/EFE
    LaPresse/EFE
  • LaPresse/EFE
    LaPresse/EFE
  • LaPresse/EFE
    LaPresse/EFE
  • LaPresse/EFE
    LaPresse/EFE
  • LaPresse/EFE
    LaPresse/EFE
  • LaPresse/EFE
    LaPresse/EFE
  • LaPresse/EFE
    LaPresse/EFE
  • LaPresse/EFE
    LaPresse/EFE
  • LaPresse/EFE
    LaPresse/EFE
  • LaPresse/EFE
    LaPresse/EFE
  • LaPresse/EFE/Salvador Sas
    LaPresse/EFE/Salvador Sas
  • LaPresse/EFE
    LaPresse/EFE
  • LaPresse/EFE
    LaPresse/EFE
  • LaPresse/EFE/Salvador Sas
    LaPresse/EFE/Salvador Sas
  • LaPresse/EFE
    LaPresse/EFE
/
MeteoWeb

Mentre l’Irlanda attende l’ormai imminente arrivo dell’uragano Ophelia, in Europa continentale si contano le prime vittime della tempesta: in Galizia, nel nord/ovest della Spagna, il vento impetuoso alimenta i roghi provocati dal passaggio dell’uragano.

La regione spagnola della Galizia è infatti assediata dagli incendi, che hanno causato tre morti nelle ultime ore: i fronti di fuoco attivi sono 57, e ben 17 minacciano centri abitati.

I cadaveri di due delle tre vittime sono stati recuperati dai vigili del fuoco all’interno di un’auto carbonizzata su una strada nella località di Nigran, mentre la terza vittima è un anziano che tentava di salvare i suoi animali dalle fiamme che avevano avvolto la stalla.