Uragano Ophelia sempre più violento: raggiunge la 3ª categoria sulle Azzorre e fa tremare l’Europa mentre in Italia riesplode l’estate

/
MeteoWeb

L’Uragano Ophelia ha raggiunto le isole Azzorre e sta colpendo in modo particolarmente intenso le isole più meridionali dell’arcipelago portoghese, cioè Santa Maria e San Miguel dove sono già in atto venti impetuosi e piogge torrenziali. Proprio sulle Azzorre la tempesta s’è rinforzata diventando un Uragano di 3ª categoria sulla scala Saffir-Simpson, un vero e proprio “mostro” nel settore europeo dell’oceano Atlantico. Adesso i venti intorno all’occhio di Ophelia soffiano a 186km/h e la pressione è crollata a 960hPa (dati appena rilevati, ore 17:00 di Sabato 14 Ottobre). Confermata la sua traiettoria distruttiva verso l’Irlanda, dove arriverà nella serata di dopodomani, Lunedì 16 Ottobre, dopo aver lambito la Galizia e la Bretagna, cioè le estremità atlantiche della Spagna e della Francia.

Intanto sull’Italia riesplode l’estate: abbiamo +27°C a Roma e Napoli, e temperature superiori ai +25°C un po’ ovunque da Nord a Sud. Nei prossimi giorni farà ancora più caldo con punte di +30°C nelle zone interne del Centro/Nord e su gran parte dell’Europa centrale: Ophelia, infatti, si trascina dietro aria calda di origine Sahariana, al punto che porterà ingenti quantità di Sabbia del deserto sulle isole Britanniche dove i cieli si tingeranno di giallo e di rosso, evenienza estremamente inusuale per quelle aree del nord Europa.