Veneto: riaperti i sentieri dei boschi dell’Agordino distrutti dalla tempesta Vaia di fine ottobre [FOTO]

Ad un'altitudine di circa mille metri, i volontari della Protezione Civile sono impegnati nelle zone boschive per liberare i sentieri di montagna sepolti anche da cinque strati di tronchi ammassati l'uno sopra l'altro!

/
MeteoWeb

Zaino in spalle, motosega in una mano, carburante e altre attrezzi nell’altra. E chilometri macinati a piedi dentro ai pesanti vestiti antitaglio. Nell’ultimo mese, il Nucleo sezionale di Protezione Civile dell’Ana Verona è stato impegnato sui monti dell’Agordino (Bl) per liberare decine di chilometri di sentieri interrotti, quando non letteralmente sepolti, dagli alberi caduti durante la disastrosa ondata di maltempo che ha colpito il Veneto e l’Alto Adige alla fine dello scorso ottobre, radendo al suolo interi boschi, come ricordano le foto contenute nella gallery scorrevole in alto a corredo dell’articolo.

L’operazione ”Esercitazione tempesta Vaia”, dal nome della tempesta che ha flagellato il territorio in autunno, è stata organizzata dalla Regione Veneto. Ha preso il via il primo giugno scorso e si concluderà con la fine del mese. In queste settimane e fino a domenica, sono complessivamente quasi 150 i volontari della Protezione Civile dell’Ana Verona che si stanno alternando sulle alture dell’Agordino, da Falcade al monte Civetta. Dopo Treviso, si tratta del nucleo più numeroso. Organizzati in due turni a settimana, con campo base a Caprile nel Comune di Alleghe (Belluno) a un’altitudine di circa mille metri, i volontari sono impegnati nelle zone boschive per liberare passo dopo passo i sentieri di montagna sepolti anche da cinque strati di tronchi ammassati l’uno sopra l’altro. E stanno operando sia con le motoseghe nei sentieri più impervi, sia con escavatori e ruspe dove il terreno lo permette. Oltre al taglio e alla rimozione dei tronchi caduti, alcune squadre specializzate si sono occupate, con gli opportuni mezzi, di ripristinare il normale corso di alcuni ruscelli che lo hanno deviato a causa dell’alluvione, provocando l’inondazione di alcune strade forestali.