Verona ricorda Shakespeare: folla di turisti per Romeo e Giulietta [FOTO]

  • LaPresse/Emanuele Pennacchio
    LaPresse/Emanuele Pennacchio
  • LaPresse/Emanuele Pennacchio
    LaPresse/Emanuele Pennacchio
  • LaPresse/Emanuele Pennacchio
    LaPresse/Emanuele Pennacchio
  • LaPresse/Emanuele Pennacchio
    LaPresse/Emanuele Pennacchio
  • LaPresse/Emanuele Pennacchio
    LaPresse/Emanuele Pennacchio
  • LaPresse/Emanuele Pennacchio
    LaPresse/Emanuele Pennacchio
  • LaPresse/Emanuele Pennacchio
    LaPresse/Emanuele Pennacchio
  • LaPresse/Emanuele Pennacchio
    LaPresse/Emanuele Pennacchio
  • LaPresse/Emanuele Pennacchio
    LaPresse/Emanuele Pennacchio
  • LaPresse/Emanuele Pennacchio
    LaPresse/Emanuele Pennacchio
  • LaPresse/Emanuele Pennacchio
    LaPresse/Emanuele Pennacchio
  • LaPresse/Emanuele Pennacchio
    LaPresse/Emanuele Pennacchio
  • LaPresse/Emanuele Pennacchio
    LaPresse/Emanuele Pennacchio
  • LaPresse/Emanuele Pennacchio
    LaPresse/Emanuele Pennacchio
  • LaPresse/Emanuele Pennacchio
    LaPresse/Emanuele Pennacchio
  • LaPresse/Emanuele Pennacchio
    LaPresse/Emanuele Pennacchio
  • LaPresse/Emanuele Pennacchio
    LaPresse/Emanuele Pennacchio
  • LaPresse/Emanuele Pennacchio
    LaPresse/Emanuele Pennacchio
  • LaPresse/Emanuele Pennacchio
    LaPresse/Emanuele Pennacchio
  • LaPresse/Emanuele Pennacchio
    LaPresse/Emanuele Pennacchio
  • LaPresse/Emanuele Pennacchio
    LaPresse/Emanuele Pennacchio
  • LaPresse/Emanuele Pennacchio
    LaPresse/Emanuele Pennacchio
  • LaPresse/Emanuele Pennacchio
    LaPresse/Emanuele Pennacchio
  • LaPresse/Emanuele Pennacchio
    LaPresse/Emanuele Pennacchio
  • LaPresse/Emanuele Pennacchio
    LaPresse/Emanuele Pennacchio
  • LaPresse/Emanuele Pennacchio
    LaPresse/Emanuele Pennacchio
  • LaPresse/Emanuele Pennacchio
    LaPresse/Emanuele Pennacchio
  • LaPresse/Emanuele Pennacchio
    LaPresse/Emanuele Pennacchio
  • LaPresse/Emanuele Pennacchio
    LaPresse/Emanuele Pennacchio
  • LaPresse/Emanuele Pennacchio
    LaPresse/Emanuele Pennacchio
  • LaPresse/Emanuele Pennacchio
    LaPresse/Emanuele Pennacchio
  • LaPresse/Emanuele Pennacchio
    LaPresse/Emanuele Pennacchio
  • LaPresse/Emanuele Pennacchio
    LaPresse/Emanuele Pennacchio
  • LaPresse/Emanuele Pennacchio
    LaPresse/Emanuele Pennacchio
  • LaPresse/Emanuele Pennacchio
    LaPresse/Emanuele Pennacchio
  • LaPresse/Emanuele Pennacchio
    LaPresse/Emanuele Pennacchio
  • LaPresse/Emanuele Pennacchio
    LaPresse/Emanuele Pennacchio
  • LaPresse/Emanuele Pennacchio
    LaPresse/Emanuele Pennacchio
  • LaPresse/Emanuele Pennacchio
    LaPresse/Emanuele Pennacchio
  • LaPresse/Emanuele Pennacchio
    LaPresse/Emanuele Pennacchio
  • LaPresse/Emanuele Pennacchio
    LaPresse/Emanuele Pennacchio
  • LaPresse/Emanuele Pennacchio
    LaPresse/Emanuele Pennacchio
  • LaPresse/Emanuele Pennacchio
    LaPresse/Emanuele Pennacchio
  • LaPresse/Emanuele Pennacchio
    LaPresse/Emanuele Pennacchio
  • LaPresse/Emanuele Pennacchio
    LaPresse/Emanuele Pennacchio
  • LaPresse/Emanuele Pennacchio
    LaPresse/Emanuele Pennacchio
  • LaPresse/Emanuele Pennacchio
    LaPresse/Emanuele Pennacchio
  • LaPresse/Emanuele Pennacchio
    LaPresse/Emanuele Pennacchio
  • LaPresse/Emanuele Pennacchio
    LaPresse/Emanuele Pennacchio
  • LaPresse/Emanuele Pennacchio
    LaPresse/Emanuele Pennacchio
  • LaPresse/Emanuele Pennacchio
    LaPresse/Emanuele Pennacchio
  • LaPresse/Emanuele Pennacchio
    LaPresse/Emanuele Pennacchio
  • LaPresse/Emanuele Pennacchio
    LaPresse/Emanuele Pennacchio
  • LaPresse/Emanuele Pennacchio
    LaPresse/Emanuele Pennacchio
  • LaPresse/Emanuele Pennacchio
    LaPresse/Emanuele Pennacchio
  • LaPresse/Emanuele Pennacchio
    LaPresse/Emanuele Pennacchio
  • LaPresse/Emanuele Pennacchio
    LaPresse/Emanuele Pennacchio
  • LaPresse/Emanuele Pennacchio
    LaPresse/Emanuele Pennacchio
  • LaPresse/Emanuele Pennacchio
    LaPresse/Emanuele Pennacchio
  • LaPresse/Emanuele Pennacchio
    LaPresse/Emanuele Pennacchio
  • LaPresse/Emanuele Pennacchio
    LaPresse/Emanuele Pennacchio
  • LaPresse/Emanuele Pennacchio
    LaPresse/Emanuele Pennacchio
/
MeteoWeb

Il Regno Unito (ed il mondo intero) ricorda oggi il 400° anniversario della morte del drammaturgo inglese William Shakespeare, avvenuta il 23 aprile 1616. La città natale dello scrittore, Stratford-upon-Avon, ha previsto diverse iniziative per ricordare lo scrittore, ma anche alcune località simbolo, come ad esempio Verona, dove, come noto, è ambientata la tragedia “Romeo e Giulietta”.

La casa di Giulietta Capuleti, diventata con il suo Romeo simbolo dell’amore grazie alla penna del Bardo, è stata presa d’assalto da innamorati e semplici turisti, pronti a lunghe file per vedere da vicino il balcone più famoso della storia del teatro e lasciare dove possibile il proprio pensiero o pegno d’amore, sotto forma dell’ormai classico lucchetto. Lunghe code anche per la tomba di Giulietta, mentre nella biblioteca civica è stato presentato ‘Romeo e Giulietta, il manoscritto di Verona’: il singolare testo è frutto della partecipazione di oltre 5mila cittadini, turisti e studenti, che per più di due mesi hanno ricopiato sulla pergamena, ciascuno con la propria calligrafia, il testo della più famosa opera del drammaturgo e poeta inglese.