Viaggio nel tempo sulle linee ferroviarie storiche d’Italia [FOTO]

  • LaPresse/Vincenzo Livieri
    LaPresse/Vincenzo Livieri
  • LaPresse/Vincenzo Livieri
    LaPresse/Vincenzo Livieri
  • LaPresse/Vincenzo Livieri
    LaPresse/Vincenzo Livieri
  • LaPresse/Vincenzo Livieri
    LaPresse/Vincenzo Livieri
  • LaPresse/Vincenzo Livieri
    LaPresse/Vincenzo Livieri
  • LaPresse/Vincenzo Livieri
    LaPresse/Vincenzo Livieri
  • LaPresse/Vincenzo Livieri
    LaPresse/Vincenzo Livieri
  • LaPresse/Vincenzo Livieri
    LaPresse/Vincenzo Livieri
  • LaPresse/Vincenzo Livieri
    LaPresse/Vincenzo Livieri
  • LaPresse/Vincenzo Livieri
    LaPresse/Vincenzo Livieri
  • LaPresse/Vincenzo Livieri
    LaPresse/Vincenzo Livieri
  • LaPresse/Vincenzo Livieri
    LaPresse/Vincenzo Livieri
  • LaPresse/Vincenzo Livieri
    LaPresse/Vincenzo Livieri
  • LaPresse/Vincenzo Livieri
    LaPresse/Vincenzo Livieri
  • LaPresse/Vincenzo Livieri
    LaPresse/Vincenzo Livieri
  • LaPresse/Vincenzo Livieri
    LaPresse/Vincenzo Livieri
  • LaPresse/Vincenzo Livieri
    LaPresse/Vincenzo Livieri
  • LaPresse/Vincenzo Livieri
    LaPresse/Vincenzo Livieri
  • LaPresse/Vincenzo Livieri
    LaPresse/Vincenzo Livieri
  • LaPresse/Vincenzo Livieri
    LaPresse/Vincenzo Livieri
  • LaPresse/Vincenzo Livieri
    LaPresse/Vincenzo Livieri
  • LaPresse/Vincenzo Livieri
    LaPresse/Vincenzo Livieri
  • LaPresse/Vincenzo Livieri
    LaPresse/Vincenzo Livieri
  • LaPresse/Vincenzo Livieri
    LaPresse/Vincenzo Livieri
  • LaPresse/Vincenzo Livieri
    LaPresse/Vincenzo Livieri
  • LaPresse/Vincenzo Livieri
    LaPresse/Vincenzo Livieri
  • LaPresse/Vincenzo Livieri
    LaPresse/Vincenzo Livieri
  • LaPresse/Vincenzo Livieri
    LaPresse/Vincenzo Livieri
  • LaPresse/Vincenzo Livieri
    LaPresse/Vincenzo Livieri
  • LaPresse/Vincenzo Livieri
    LaPresse/Vincenzo Livieri
  • LaPresse/Vincenzo Livieri
    LaPresse/Vincenzo Livieri
  • LaPresse/Vincenzo Livieri
    LaPresse/Vincenzo Livieri
  • LaPresse/Vincenzo Livieri
    LaPresse/Vincenzo Livieri
  • LaPresse/Vincenzo Livieri
    LaPresse/Vincenzo Livieri
  • LaPresse/Vincenzo Livieri
    LaPresse/Vincenzo Livieri
  • LaPresse/Vincenzo Livieri
    LaPresse/Vincenzo Livieri
  • LaPresse/Vincenzo Livieri
    LaPresse/Vincenzo Livieri
  • LaPresse/Vincenzo Livieri
    LaPresse/Vincenzo Livieri
  • LaPresse/Vincenzo Livieri
    LaPresse/Vincenzo Livieri
  • LaPresse/Vincenzo Livieri
    LaPresse/Vincenzo Livieri
  • LaPresse/Vincenzo Livieri
    LaPresse/Vincenzo Livieri
  • LaPresse/Vincenzo Livieri
    LaPresse/Vincenzo Livieri
  • LaPresse/Vincenzo Livieri
    LaPresse/Vincenzo Livieri
  • LaPresse/Vincenzo Livieri
    LaPresse/Vincenzo Livieri
/
MeteoWeb

Per valorizzare queste esperienze, il Ministero entrerà come aderente istituzionale nella Fondazione Fs italiane

In viaggio a bordo di treni d’epoca su quattro vecchie linee ferroviarie, oggi chiuse al traffico, in alcuni dei paesaggi più belli d’Italia. E’ l’esperienza resa possibile dalla Fondazione Fs italiane e dal Ministero per i Beni e le attività culturali. Oggi il ministro Dario Franceschini, il presidente della Fondazione Fs italiane Mauro Moretti, l’ad di Fs Michele Mario Elia e il presidente della Regione Toscana Enrico Rossi sono saliti a bordo del treno della ferrovia della Val d’Orcia Asciano-Monte Antico. Un convoglio uscito dal museo nazionale di Pietrarsa di cui fa parte anche la carrozza presidenziale “Grillo”. Oltre a quello nel senese, analoghi viaggi “slow” sono possibili anche sulla Ferrovia del Lago sul lago d’Iseo, la Ferrovia del Parco tra i boschi della Majella, e la Ferrovia dei Templi di Agrigento. Per valorizzare queste esperienze, il Ministero entrerà come aderente istituzionale nella Fondazione Fs italiane.

LaPresse/Vincenzo Livieri
LaPresse/Vincenzo Livieri

“Il turismo sostenibile è la vocazione dell’Italia – ha detto Franceschini -. Non dobbiamo pensare che possiamo avere un turismo mordi e fuggi, noi dobbiamo avere un turismo di alta qualità e di eccellenza. L’Italia ha potenzialità formidabili se investe su se stessa, è un museo diffuso unico al mondo e non siamo stati capaci di farlo conoscere pienamente. Abbiamo centri storici sovraffollati e borghi fantastici che non sono visitati neanche dagli italiani. Il Paese – ha concluso – deve puntare su un turismo sostenibile di alto livello”. “Abbiamo tesori eccezionali e iniziative come questa possono aiutare a costruire un’economia positiva, con un turismo di fascia alta”, ha aggiunto Moretti che però ha sollecitato l’iniziativa dei privati. “Noi garantiamo il mantenimento dell’infrastruttura – ha spiegato – ma poi ci vuole l’imprenditorialità. Noi siamo disponibili a discutere di business plan per specifiche offerte. Guardiamo a chi ha disponibilità finanziarie a lungo termine, anche e soprattutto stranieri”. A questo proposito, il governatore ha avanzato a Mibact e Fs la proposta di bandire progetti a presenza pubblico-privato per costruire innovativi pacchetti di offerte turistiche.