Violenta eruzione del vulcano Sinabung: villaggi ricoperti di cenere [FOTO e VIDEO]

  • LaPresse/Xinhua
    LaPresse/Xinhua
  • LaPresse/Xinhua
    LaPresse/Xinhua
  • LaPresse/Xinhua
    LaPresse/Xinhua
  • LaPresse/Xinhua
    LaPresse/Xinhua
  • LaPresse/Xinhua
    LaPresse/Xinhua
/
MeteoWeb

Sette persone sono morte a seguito dell’eruzione del Sinabung, uno dei vulcani presenti sull’isola di Sumatra, nell’Indonesia occidentale. L’eruzione ha generato colate piroclastiche e nubi di cenere vulcanica che hanno raggiunto i 3 chilometri di altezza: le foto documentano la situazione post-evento, con le ceneri che hanno ricoperto i villaggi e provocato la morte di animali. Le vittime erano contadini che stavano lavorando in un’area proibita a causa della sua prossimità al vulcano. Le squadre di soccorso sono alla ricerca di altre possibili vittime, che potrebbero essere rimaste uccise o gravemente ustionate dai gas e dalle ceneri rilasciate durante l’eruzione: due al momento i feriti in condizioni critiche. Nel 2014 si era verificato un analogo incidente che aveva causato 16 morti.

Le autorità hanno avvisato la popolazione riguardo potenziali future eruzioni, data l’attività ancora intensa del Sinabung.

Il Monte Sinabung aveva ripreso la sua attività vulcanica nel 2010 (due vittime) dopo essere rimasto inattivo per oltre 400 anni. E’ uno dei 120 vulcani attivi presenti in Indonesia, parte della cosiddetta Cintura di Fuoco, il luogo dove si verificano il 90% dei terremoti della Terra e il 75% di tutte le eruzioni vulcaniche.