Vulcano Kilauea: 82 strutture distrutte dalla furia delle eruzioni, terremoti ed esplosioni scuotono le Hawaii [GALLERY]

  • Credit: USGS
    Credit: USGS
  • Credit: USGS
    Credit: USGS
  • Credit: USGS
    Credit: USGS
  • Credit: USGS
    Credit: USGS
/

Il conteggio ufficiale delle strutture distrutte dalla lava è salito a 82 – dalle 50 dell’inizio della settimana – e le autorità affermano che il numero aumenterà quasi senza alcun dubbio a causa delle eruzioni attive nella zona di faglia orientale del vulcano Kilauea, sulla Grande Isola delle Hawaii.

Ieri i vigili del fuoco si sono recati porta a porta per avvisare i residenti rimasti nella suddivisione di Leilani Estates a lasciare l’area, minacciata da un flusso di lava che avanza verso la zona e che ha già interrotto delle strade.

Finora la lava ha coperto quasi 9 km² di terra nel distretto di Puna, impedendo l’accesso ad almeno 37 case. Le ampie fratture nel suolo, provocate dal magma che scorre nel sottosuolo e deforma la terra, hanno danneggiato diverse strade e abitazioni.

Un residente di Leilani Estates ha documentato con una diretta Facebook i flussi di lava che spazzavano via diverse case nella suddivisione. “È pazzesco. Questa lava sta avanzando a circa 60 cm al minuto e stiamo vedendo questo fiume muoversi in questo giardino e distruggere la casa in pochi minuti. Si sta muovendo molto velocemente. È difficile persino guardare, è così luminosa e incandescente”, ha dichiarato mentre riprendeva un paesaggio in fiamme, un campo di lava sopra i prati che copriva gli alberi e avanzava verso le case.

L’Osservatorio Vulcanologico delle Hawaii dichiara che rimangono attive diverse eruzioni lungo la linea di fratture di oltre 3 km, che emettono fino a 1,5 metri cubi di lava al secondo con fontane di lava alte come edifici di 20 piani che danno origine a flussi che vanno a riversarsi nell’oceano a quasi 5 km di distanza.

In cima al vulcano, si susseguono le eruzioni esplosive, al ritmo di due al giorno. Con la formazioni di alte colonne di cenere e gas vulcanico e i venti in diminuzione previsti sulla Grande Isola in questo weekend e all’inizio della prossima settimana, potrebbero aggravarsi le condizioni dell’aria.

L’Hawaii County Civil Defense ha allertato la popolazione sul possibile aumento di smog vulcanico, gas vulcanico ed emissioni di cenere. Le emissioni vulcaniche potrebbero ridurre la visibilità e gli alti livelli di diossido di zolfo potrebbero costringere all’evacuazione. Le comunità vicino al cratere Halemaumau, dal quale avvengono le esplosioni, sono esposte alla ricaduta di cenere.

Come se non bastasse il disastro delle eruzioni, continuano le scosse di terremoto sulla Grande Isola. Un terremoto di magnitudo 4.4, il più forte delle decine di scosse di ieri, ha fatto tremare l’isola. Il Servizio Geologico statunitense (USGS) ha affermato che la scossa si è verificata a 4 km di distanza dal vulcano ad una profondità di 1,6 km. L’attività sismica in cima al vulcano Kilauea va avanti da settimane.

Sulla conclusione dell’attività vulcanica regna la più assoluta incertezza. Circa 2.000 persone sono state evacuate dalle suddivisioni di Leilani Estates e Lanipuna Gardens e le autorità prevedono l’evacuazione di altre centinaia se la lava dovesse continuare a bloccare le vie d’accesso all’area.