Si risveglia il vulcano Kilauea nelle Hawaii: la lava minaccia i centri abitati, ordine di evacuazione [FOTO e VIDEO]

  • Kilauea
    Kilauea
/
MeteoWeb

Dopo giorni di eventi sismici che hanno interessato il distretto di Puna, il vulcano Kilauea, nelle Hawaii, si è risvegliato. Lava incandescente e vapori hanno invaso una zona residenziale nei dintorni di Pahoa, sull’Isola Grande, e continuano ad avanzare verso la costa. Per il momento non si hanno notizie di feriti.

Le autorità delle Hawaii hanno ordinato l’evacuazione di circa 1.700 persone. Il governatore ha mobilitato la Guardia Nazionale dello Stato per assistere i cittadini nelle operazioni di evacuazione e proteggere circa 770 strutture abbandonate dai residenti che ieri hanno trovato rifugio in un centro di accoglienza. I rischi principali, spiegano le autorità, sono “una concentrazione potenzialmente letale di gas di anidride solforosa” o esplosioni di metano che potrebbero lanciare ad alta velocità detriti e rocce nelle aree circostanti.

La lava ha cominciato a venir fuori perfino da fessure nel terreno nell’area residenziale di Mohala Street, in particolare nella zona Leilani: la zona di Leilani è parte della Grande faglia dell’isola, in cui l’Osservatorio vulcanologico delle Hawaii aveva già individuato “movimenti del magma“, anche se tutte le aree circostanti sono ad “alto rischio“.

La maggior parte dell’attività del vulcano Kilauea è stata non esplosiva, ma un’eruzione del 1924 ha rilasciato cenere e 9 tonnellate di rocce nel cielo, uccidendo anche una persona.

L’eruzione del 1983 ha portato a fontane di lava di oltre 450 metri di altezza. Nei decenni successivi, il flusso di lava ha sepolto decine di km² di terra, distruggendo molte case.