Energia: la Campania punta su solare e auto elettriche

Credit: ESA

La Campania scommette sulle fonti energetiche alternative e punta sul fotovoltaico. Proprio mentre gli incentivi del Governo vanno in direzioneo opposta, fissando una corsia preferenziale per geotermico e biomasse, la Commissione Ambiente esaminera’ domani, a partire dalle 11, la proposta di legge a sostegno dell’utilizzo dell’energia solare di iniziativa popolare (l’hanno sottoscritta oltre 13 mila cittadini). Il provvedimento sollecitato dai campani prevede incentivi per chi sostituisce gli impianti di vecchia generazione con quelli fotovoltaici con l’obiettivo di raggiungere entro il 2021 una copertura del 60 per cento del consumo energetico regionale. Sono due i punti essenziali della proposta di legge. Nel provvedimento, che intende far dichiarare l’energia solare fonte primaria a livello regionale, si prevede anche l’assegnazione gratuita agli enti locali delle aree demaniali di pertinenza della Regione per la creazione di poli dell’energia verde. Entro un anno dall’approvazione della legge, la Regione Campania avvia la costruzione di stazioni elettriche di servizio per l’alimentazione delle automobili. Inoltre sottoscrive accordi con le industrie automobilistiche per la riconversione della loro produzione alla tecnologia elettrica. Con le universita’, invece, vengono stipulate convenzioni per progetti di ricerca e innovazione nel campo fotovoltaico.