Tornado Emilia Romagna, Pasqui (Cnr): “è stato un F2 con venti sicuramente superiori ai 200km/h”

Quello che ieri si e’ abbattuto sull’Emilia Romagna e’ un vero e proprio tornado, con vortici atmosferici di forte intensita’, e non una semplice tromba d’aria”, spiega Massimiliano Pasqui, ricercatore del centro Cnr Iimet riferendosi all’evento atmosferico che ha colpito alcune zone dell’Emilia Romagna. “Un evento estremo abbastanza poco frequente – prosegue il ricercatore – messo in moto da una pluralita’ di motivi, in una Regione come quella emiliana favorevole ad eventi atmosferici di questo tipo. Dunque sarebbero piu’ di uno i fattori all’origine di questi vortici anche se – spiega il ricercatore del Cnr – in questo periodo dell’anno, e sopratutto dopo una primavera cosi’ piovosa come quella che hanno vissuto le regioni settentrionali, nel terreno si forma tantissima umidita’ che invoglia la nascita di sistemi convettivi”. Pasqui poi vedendo le immagini diffuse dai media azzarda un’analisi:” il tornado di ieri era di classe 2 su 5 ( dove livello 1 e’ debole e il 5 la massima intensita’) e i venti superavano certamente i 200 chilometri all’ora”. E sulla possibilita’ di fare delle previsioni per evitare i danni, il ricercatore precisa: ”e’ impossibile prevedere questi fenomeni cosi’ estremi che si palesano nell’immediato e senza preavviso di alcun genere”, poi pero’ rassicura: ”le condizioni meteo sia oggi che domani sono in attenuazione”.