21 Luglio 1969: Neil Armstrong è il primo uomo sulla Luna. Il...

21 Luglio 1969: Neil Armstrong è il primo uomo sulla Luna. Il ricordo di quella notte di 44 anni fa

Credit: NASA
Credit: NASA
Credit: NASA

E’ un piccolo passo per un uomo, ma un balzo gigante per l’umanità“. Con queste parole l’astronauta Neil Armstrong descrisse il primo passo di un essere umano sulla superficie della Luna. Erano le 04:56 del 21 Luglio 1969, quando circa 600 milioni di telespettatori osservarono lo storico evento dalle proprie case o affollando i bar. In quel momento la Luna si trovava a 388.650 chilometri dalla Terra ed era prossima al primo quarto. In tanti la osservavano con il naso all’insù, dal momento che gli apparecchi televisivi non erano per tutti. La RAI trasmise una storica diretta in bianco e nero, con immagini sgranate; una visione nettamente differente dai moderni televisori, ma ciò che contava era che il corpo celeste già oggetto di studio  e di osservazione dalla nascita dell’astronomia, era stato conquistato. “Ha toccato: l’uomo è sbarcato sulla Luna” esclamò Tito Stagno, giornalista Rai, nella lunghissima diretta che incollò la notte del 21 luglio milioni di telespettatori italiani. Quella dello sbarco lunare fu una telecronaca storica che impegò oltre 200 giornalisti e tecnici. In quegli attimi si scioglievano tanti dubbi, e le sonde prima, e gli astronauti poi, ci fornirono un quadro completo del nostro satellite. Un corpo arido e desolato, senza acqua, con alte catene montuose, vasti altipiani, moltissimi crateri da impatto grandi e piccoli, e distese pianeggianti di lava solidificata. “Houston, qui Base della Tranquillità. L’Eagle è atterrato“, riferì Neil al centro di controllo.

La Terra vista dall'orbita lunare
La Terra vista dall’orbita lunare

Proprio dal “Mare della Tranquillità”, Neil Armstrong e Edwind Aldrin ci trasmisero le immagini di quella magica notte appena usciti dal LEM, mentre il loro compagno Michael Collins, altro astronauta veterano, controllava il modulo di comando Columbia. Un traguardo millenario era raggiunto: l’uomo calcava il suolo di un altro mondo. Fu il termine di una grande sfida tra URSS e Stati Uniti, ispirata dalla guerra fredda. L’equipaggio dell’Apollo 11 lasciò una targa di acciaio inossidabile per commemorare lo sbarco e lasciare informazioni sulla visita ad ogni altro essere, umano o meno, che la trovi. La targa raffigura i due emisferi del pianeta Terra, ed è firmata dai tre astronauti e dall’allora Presidente statunitense Richard Nixon. La targa riporta queste parole: “Qui, uomini dal pianeta Terra posero piede sulla Luna per la prima volta, Luglio 1969 d.C. Siamo venuti in pace, per tutta l’umanità”. Per le missioni Apollo fu impiegato il gigantesco razzo Saturno V, lungo 11 metri e pesante, al lancio, 2930 tonnellate. Al suo estremo anteriore si trovava l’astronave, comprendente la capsula Apollo con tre astronauti, il modulo di servizio e il modulo d’escursione lunare.  L’allunaggio avvenne alle ore 22:18 italiane. Lo sbarco durò in totale 21 ore e 31 minuti, compresa la passeggiata durata 2 ore e 31 minuti. Fu una notte storica ed interminabile, la nuova frontiera dell’uomo verso lo spazio, che oggi prevede lo sbarco su Marte in un prossimo futuro. Sono trascorsi 44 anni da quella notte indimenticabile, ma le orme impresse nella “regolite” rimarranno pressoché intatte per migliaia o forse per milioni di anni, fino a quando la sottile pioggia di micrometeoriti non le degraderà. E forse anche allora, l’uomo ricorderà lo sbarco lunare del 21 Luglio 1969.

Valuta questo articolo

No votes yet.
Please wait...