Il Ciclone “Zissi” flagella l’Italia: 4 morti e decine di feriti. E’ una notte da incubo

Maltempo, Italia in ginocchio per il ciclone "Zissi" che continuerà ad imperversare per almeno altre 24 ore

Il ciclone “Zissi” sta letteralmente flagellando l’Italia intera, con piogge alluvionali al Nord, forti temporali al Centro, venti impetuosi un po’ ovunque. Il bilancio è pesantissimo: almeno 4 morti e decine di feriti. La prima vittima è un agricoltore calabrese stroncato da un albero abbattuto dal vento in provincia di Reggio Calabria, a Candidoni. In serata altri due morti a Sessa Aurunca, in provincia di Caserta, sempre per un albero abbattuto dal vento che stavolta ha colpito l’auto su cui viaggiavano i malcapitati. La quarta vittima è una persona che è finita con l’auto in un torrente in piena a Sant’Angelo in Pontano, in provincia di Macerata. Decine di feriti in molte Regioni, tra cui due bambini in gravi condizioni, uno a Roma e uno a Vibo Valentia, ricoverato d’urgenza a Reggio Calabria nel pomeriggio.

eurLa tempesta è profonda 988hPa e si trova sulla Corsica: da lì sta alimentando forte maltempo in tutto il Paese. E’ una notte da incubo con piogge alluvionali al Centro/Nord, dove tutti i corsi d’acqua sono ingrossati e in alcuni casi anche in piena con tanto di ponti chiusi. Sulle Alpi continua a nevicare in modo abbondante, specie nei settori occidentali: spettacolari le immagini in diretta dalle webcam. Attenzione alle prossime ore: le precipitazioni si intensificheranno ulteriormente al Nord mentre al Sud arriverà molta sabbie del Sahara.

VMIIn queste ore, come possiamo osservare nell’immagine del radar accanto, sta piovendo intensamente su tutto il centro/nord e in Sardegna.

Le piogge si intensificheranno nella notte in tutto il Nord, e poi nella mattinata di domani al Nord/Est con piogge alluvionali tra Veneto e Friuli Venezia Giulia dove tra ieri e oggi sono già caduti oltre 150mm di pioggia ma nelle prossime 12 ore ne potranno cadere altri 100 determinando pesantissimi eventi alluvionali.

Possibili criticità per esondazioni, frane e inondazioni anche in Piemonte, Lombardia, Emilia Romagna, Liguria, Toscana, Marche, Lazio e Sardegna.

CNMC_LAM_201602282215_ITALIA_IRLI@@@@_@@@@@@@@@@@@_@@@_000_@@@@L’ondata di maltempo non finisce qui: il ciclone “Zissi” continuerà a persistere sull’Italia per tutta la giornata di lunedì 29 febbraio, l’ultimo giorno del mese, con ulteriori piogge nelle Regioni settentrionali, forti temporali in Sardegna e piogge intense in tutte le Regioni tirreniche, tra Toscana, Lazio e Campania. Intanto, adesso, una notte da incubo nel “giorno in più” dell’anno bisestile, il 29 febbraio. Per monitorare la situazione in tempo reale ecco le pagine relative al nowcasting:

CONDIVIDI
Nato a Reggio Calabria il 18 maggio 1986, è giornalista pubblicista dal 2009. Nel 2004 ha fondato il blog MeteoWeb che nel 2010 è diventato testata giornalistica, di cui è Direttore Responsabile. Dirige diverse testate per il gruppo editoriale Socedit