Alzheimer: il gene della demenza può influenzare il cervello dei bambini già dall’infanzia

Un particolare 'gene della demenza', associato alla malattia di Alzheimer, può influenzare il cervello e le abilita' cognitive dei bimbi nell'infanzia

alzheimer

Un particolare ‘gene della demenza‘, associato alla malattia di Alzheimer, può influenzare il cervello e le abilita’ cognitive dei bimbi nell’infanzia, già a partire dai tre anni. I piccoli che lo ereditano hanno un ippocampo, area del cervello dedicata alla memoria, più piccolo del 5% e totalizzano la meta’ dei punteggi rispetto ai coetanei nei test sulle abilita’ cognitive. E’quanto emerge da una ricerca dell’Università delle Hawaii, pubblicata su Neurology, i cui risultati secondo gli studiosi sono importanti perchè potrebbero portare a identificare molto precocemente chi e’ a rischio di sviluppare la malattia di Alzheimer. Per lo studio sono state effettuate delle scansioni cerebrali e dei test su memoria e capacita’ cognitive in 1187 bambini e ragazzi di eta’ compresa tra 3 e 20 anni. L’attenzione degli studiosi si e’ focalizzata sul gene Apoe, localizzato sul cromosoma 19.

Una variante di questo gene, chiamata Apoe4, e’ legata allo sviluppo di Alzheimer e può essere trasmessa da uno o da entrambi i genitori, e i bimbi che ne sono portatori hanno un ippocampo piu’ piccolo e peggiori risultati nei test cognitivi e di memoria, con quelli che hanno ereditano questa variante da entrambi i genitori (in tutto erano appena 30 su 1000 nello studio) che totalizzano la meta’ dei punteggi rispetto ai coetanei anche nei test di attenzione. Passati gli otto anni di eta’, pero’, i bambini hanno risultati normali. “Lo studio di questi geni nei bambini puo’ darci le prime indicazioni su coloro che possono essere a rischio di demenza in futuro e forse anche aiutarci a sviluppare modi per prevenire la malattia o rallentarne lo sviluppo” spiega l’autrice principale della ricerca, Linda Chang.