Romagna: la Notte Verde inaugura la Settimana del Buon Vivere

Dieci buoni motivi per partire alla sua scoperta attraverso un ricchissimo programma di eventi, spettacoli e dibattiti, si parte con la Notte Verde

Torna in Romagna, a Forlì, l’appuntamento italiano sul buon vivere. Ormai da sette anni e per sette giorni – dal 24 settembre al 2 ottobre – in Romagna si può scoprire come il “buon vivere” possa essere un modello non solo di vita ma anche di sviluppo di un territorio, un esempio per tutto il nostro paese. Dieci buoni motivi per partire alla sua scoperta attraverso un ricchissimo programma di eventi, spettacoli e dibattiti, si parte con la Notte Verde.

AMBIENTE
La Notte Verde, in programma il 24 settembre. Con oltre 100 associazioni del territorio, dal mattino a notte fonda, bambini e adulti per le vie della città per scoprire, giocando, quanto è importante prendersi cura dell’ambiente.

MUSICA
Flash mob a impatto acustico zero animerà piazza Saffi il 24 settembre, a chiusura della Notte Verde. Tre DJ daranno vita a una Silent Disco suonando contemporaneamente sullo stesso palco, mentre il pubblico con le cuffie potrà scegliere il canale da ascoltare e la musica da ballare!

ECONOMIA

Lunedì 26 settembre il Ministro del Lavoro Giuliano Poletti sarà all’Auditorium CariRomagna per parlare di economia e lavoro ai giovani cittadini del futuro mentre il 28 sarà presentato il progetto di marketing territoriale: #RomagnaTBV.

SPETTACOLO

Ascanio Celestini e le sue microstorie saranno in scena il 25 settembre a San Giacomo nello spettacolo “Il Piccolo Paese”, mentre Lella Costa racconterà il senso profondo della migrazione e dell’integrazione con “Il canto del nostro smarrimento”, il 29 settembre nella Chiesa di San Giacomo. Sulle punte arriverà l’1 ottobre al Teatro Diego Fabbri Carla Fracci in “Shéhérazade e le mille e una notte”.

CULTURA
Spazio anche alla letteratura: il 27 settembre, presso l’Auditorium Cassa dei Risparmi di Forlì, presentazione del libro “La gioia di vivere. A piccoli passi verso la saggezza” di Vittorino Andreoli. Il 28 settembre, alla Barcaccia, invece, Carlo Gabardini parlerà del suo personale coming-out in “Fossi in te io insisterei. Lettere a mio padre sulla vita ancora da vivere”. Il 30 settembre, alla Barcaccia, Francesca del Rosso in arte WONDY racconterà la “Breve storia di due amiche per sempre”.

POLITICA
Il 28 settembre, al Teatro Diego Fabbri, Fausto Bertinotti e Julián Carrón si confronteranno nell’ambito del dibattito “La bellezza disarmata. Non c’è accesso alla verità se non attraverso la libertà. La storia è lo spazio del dialogo nella libertà”.

SALUTE
Per un buon vivere non può mancare attenzione ad “Alimentazione e prevenzione globale”, lectio magistralis di Franco Berrino, Epidemiologo presso l’Istituto Nazionale dei Tumori di Milano, che si svolgerà il 28 settembre nella Chiesa di San Giacomo.

SCIENZA

La transizione verso un’economia più circolare è al centro dell’agenda per l’efficienza delle risorse stabilita dalla strategia Europa 2020. Questi temi saranno al centro della lectio magistralis “Reuse, Reduce, Recycle in Senseable Cities”, tenuta da Carlo Ratti, Direttore del SENSEable City Lab del MIT, il 24 settembre a Piazza Guido da Montefeltro.

FOOD
Nel corso della Notte Verde, il 24 settembre, Largo De Calboli e Piazza XX Settembre accoglieranno il mercato “Dalla Terra alla Tavola”: agricoltori e produttori locali saranno presenti con i propri stand per ‘raccontare’ la Romagna attraverso prodotti tipici e degustazioni in loco.

ARTE
Imperdibile la mostra “Genesi” del fotografo brasiliano Sebastião Salgado a Forlì, nella Chiesa di San Giacomo dal 28 ottobre e fino al 29 gennaio 2017. Potente nella sua essenziale purezza, Genesi pone al centro il tema della preservazione del pianeta e della imprescindibile necessità di vivere in un rapporto più armonico con l’ambiente.

Per il programma dettagliato: http://settimanadelbuonvivere.it/eventi/