Ricerca, fusione nucleare: sempre più vicino il progetto DTT in Italia

"DTT rappresenta una grande sfida tecnologica per il nostro Paese"

Passo in avanti per DTT, Divertor Tokamak Test Facility, progetto da 500 milioni di euro per realizzare in Italia un’infrastruttura strategica di ricerca sulla fusione nucleare. Dopo la risoluzione approvata dalla Commissione Attività produttive, commercio e turismo della Camera, che impegna il Governo ad assumere iniziative per la realizzazione del progetto in Italia, anche EuroFusion (consorzio europeo per la ricerca sulla fusione nucleare) ha dato il via alla fase finale per finanziare il progetto. “Si tratta della conferma dell’impegno di Parlamento e Governo nella direzione di favorire la localizzazione nel nostro Paese di infrastrutture di ricerca di frontiera che possono avere grandi ricadute sul tessuto imprenditoriale e per il consolidamento di filiere produttive di eccellenza”, spiega Federico Testa, presidente dell’Enea. “Con un investimento di 500 milioni provenienti principalmente da fondi comunitari e internazionali sarà possibile dare vita a un polo scientifico-tecnologico di eccellenza con circa 2mila addetti che svilupperà tecnologie innovative per la competitività dell’industria nazionale, con ricadute scientifiche, economiche e per la formazione e l’impiego dei giovani”, conclude Testa. Il Divertor Tokamak Test facility nasce su impulso dell’Enea in collaborazione con Cnr, Infn, Create, università e aziende italiane. Questo grande laboratorio scientifico italiano, considerato l’anello di collegamento tra i grandi progetti di fusione nucleare Iter e Demo, fornirà risposte scientifiche, tecniche e tecnologiche a una delle maggiori criticità del processo di fusione: lo smaltimento dell’energia nei reattori a fusione. Dopo Iter, infatti rimarranno da affrontare i problemi che riguardano la gestione dei grandi flussi di potenza prodotti dal plasma combustibile e i materiali da usare come contenitore. La tecnologia made in Italy alla base di DTT sarà la stessa utilizzata per Iter, ma con in più la possibilità di eseguire test utilizzando anche tecniche brevettate dall’Enea: su DTT infatti si testeranno configurazioni magnetiche innovative e nuovi materiali come i metalli liquidi.

Ecco i ”numeri” di DTT. In questo cilindro ipertecnologico alto 10 metri con raggio 5, saranno confinati 33 mc di plasma e portati alla temperatura di 100 milioni di gradi con un’intensità di corrente di 6 milioni di Ampere, un carico termico sui materiali fino a 50 milioni di Watt per metro quadro e un’intensità di campo magnetico di 60mila Gauss. Mentre il plasma ”scaldato” tramite corrente elettrica dall’effetto Joule lavorerà a una temperatura di milioni di gradi, i 26 km di cavi superconduttori in niobio e stagno e i 16 km di quelli in niobio e titanio, distanti solo poche decine di centimetri, saranno a 269 °C sotto zero. Grazie ai materiali superconduttori di ultima generazione realizzati dall’Enea in collaborazione con l’industria, DTT sarà in grado di lavorare con un alto campo magnetico così da minimizzare la dissipazione dei conduttori e confinare plasmi con alta densità di potenza ed energia. ”DTT rappresenta una grande sfida tecnologica per il nostro Paese che potrà generare un giro d’affari di 2 miliardi di euro e riqualificare il tessuto industriale nazionale – dichiara Flavio Crisanti, responsabile scientifico del progetto – Ora, con questa decisione di Eurofusion, prende il via la fase ingegneristica che delineerà l’assetto costruttivo del progetto in vista della sua presentazione il prossimo luglio nel workshop che Eurofusion organizzerà a Frascati. Auspichiamo che a dicembre abbia inizio la fase 3 del progetto, quella realizzativa, quando contiamo di avere a disposizione i fondi dal Governo italiano e dalla Commissione europea”. A livello nazionale, Eneaè il punto di riferimento nel progetto Iter (International Thermonuclear Experimental Reactor), reattore sperimentale in via di realizzazione in Francia, a Cadarache, nell’ambito di una collaborazione fra Europa, Giappone, Stati Uniti, Russia, Cina, India e Corea. Il Dipartimento Fusione e Tecnologie della Sicurezza Nucleare, con i Centri di Ricerca di Frascati e del Brasimone, vanta professionalità e dotazioni strumentali di altissimo livello, riconosciuti quali eccellenze a livello internazionale. Gli scienziati dell’Enea sono stati tra i primi a realizzare impianti per lo studio dei plasmi a confinamento magnetico, macchine per la fusione come il Frascati Tokamak (Ft) e il Frascati Tokamak Upgrade (Ftu); le attività sulla fusione hanno originato oltre 50 brevetti negli ultimi 20 anni, con ricadute significative per lo sviluppo e la competitività delle industrie nazionali con commesse che hanno superato il miliardo di euro. ”L’Enea ha sempre ricoperto un ruolo d’eccellenza nella ricerca sulla fusione e con DTT l’Italia potrebbe mettere a frutto le competenze e le professionalità accumulate in anni di studi – commenta Aldo Pizzuto, responsabile Dipartimento Fusione e Tecnologie per la Sicurezza Nucleare – Si tratta di un’occasione unica anche per l’ambiente perché l’energia ottenuta dal processo di fusione è sicura, inesauribile e in grado di soddisfare consumi energetici in costante crescita, e libera da Co2 perché non brucia combustibili fossili”.