UFO: polemica tra gli esperti sull’esistenza di alieni nell’antico Egitto

E' polemica tra gli esperti del settore sull'esistenza degli ufo nell'antico Egitto

ASUS-PC

E’ di poche ore fa la pubblicazione della notizia dell’incontro faccia a faccia tra il famoso archeologo egiziano di fama mondiale Zahi Hawass ed Angelo Carannante presidente del C.UFO.M. Il Presidente del Centro Ufologico Mediterraneo torna all’attacco e sostiene senza mezzi termini che le dichiarazioni di Zahi Hawass il quale, in modo che appare certo, nega l'”aiutino” degli alieni nella costruzione delle piramidi di Giza, sono frutto di una visione parziale della storia. “Nessuno contesta” ha dichiarato Carannante “che gli antichi egizi costituissero un popolo certamente evoluto per l’epoca, ma molti reperti ed opere depongono a favore di una presenza aliena i quali operavano proprio in quel periodo sulla terra ed a stretto contatto con gli Egizi. Prova ne è che le piramidi sono state costruite con una tecnica che a tutt’oggi ci è ignota. A meno di pensare ad improbabili tecniche di costruzione perse nella notte dei tempi, ritengo che non è da escludere un intervento extraterrestre nella costruzione dei capolavori di Giza. Altra prova, come dicevo nella domanda ad Hawass durante l’evento a Benevento il 13 maggio 2017, è il fatto incontestabile che le piramidi costruite prima e dopo quelle della piana di Giza, sono di una fattura nemmeno lontanamente paragonabile a queste ultime. Neanche con gli odierni evoluti mezzi si riuscirebbe a costruirle”. “La scienza accademica” ha concluso Carannante “anzichè negare per partito preso, approfondisca con attenzione tanti risvolti storici che vengono ricondotti, superficialmente, alla mitologia”. Il massimo esponente del C.UFO.M. invita infine i lettori a collegarsi al sito www.centroufologicomediterraneo.it ed al canale youtube CUFOMTV, dove è postato il video dell’intervista ad Hawass, per rendersi conto della prevenzione verso il fenomeno ufo ed alieni oggi imperante. Addirittura l’ufologia, stando al Presidente C.UFO.M., ha fatto certamente molti passi indietro rispetto a ben 70 anni or sono, quando tutti, anche militari, astronomi e scienziati di altre discipline, parlavano liberamente di avvistamenti ufo e di alieni. Oggi non si può più, perchè ti prendono per matto. Sembra assurdo, ma nel 2017 è proprio così.