Bimbi bilingue: sono avvantaggiati a livello cognitivo ed elaborano due linguaggi a soli 20 mesi di età

Le persone bilingue mostrano vantaggi cognitivi per tutta la vita, ma già a 20 mesi sono in grado di elaborare accuratamente due linguaggi

I bimbi bilingue riescono ad elaborare con sufficiente accuratezza due linguaggi già a soli 20 mesi di età. E nel momento in cui ascoltano il passaggio da una lingua all’altra le loro pupille di dilatano. E’ quanto emerso da una ricerca della Concordia University di Montreal, in Canada, e della Princeton University, negli Usa, pubblicata su Proceedings of the National Academy of Sciences. Nel primo esperimento i ricercatori hanno mostrato a 24 bambini bilingue francese-inglese e 24 adulti di Montreal fotografie di oggetti familiari. I partecipanti hanno sentito frasi semplici in una sola lingua o in un mix di due lingue.

In un altro esperimento, è stato fatto ascoltare il cosiddetto ‘interruttore di lingua’, ovvero un rapido passaggio tra le due lingue nella stessa frase. I ricercatori hanno poi utilizzato misure di monitoraggio dei movimenti oculari, come ad esempio quelle della dilatazione delle pupille, che indicano che il cervello sta elaborando le informazioni. Hanno così scoperto che le pupille si dilatavano quando i partecipanti ascoltavano il cambio di linguaggio. Secondo gli esperti i risultati hanno confermano che i neonati bilingue controllano e gestiscono le lingue, ascoltando frasi semplici, fornendo così una spiegazione probabile del motivo per cui i bilingue mostrano vantaggi cognitivi per tutta la vita.

Sembrano infatti svolgere meglio “attivita’ che richiedono il passaggio o l’inibizione di un elemento precedentemente appreso“, evidenzia Casey Lew-Williams, co-autore dello studio. “Riteniamo che l’esperienza quotidiana di ascolto nell’infanzia – conclude- possa dare origine ai vantaggi cognitivi che sono stati documentati sia nei bambini bilingue che negli adulti”.