Caldo: boom del braccialetto antizanzare arrivato dall’Inghilterra

Sta spopolando il braccialetto antizanzare con il liquido Kulicide totalmente biologico

Sta spopolando il braccialetto antizanzare con il liquido Kulicide totalmente biologico, creato in Inghilterra dall’imprenditore Stanley Miller. “Nell’arco di qualche mese abbiamo venduto molto sia sulla Piattaforma Amazon che in alcune catene di farmacie, con le quali abbiamo chiuso accordi sul territorio nazionale, italiano ed hanno già terminato il pre – ordine provvedendo a rifornirsi di nuovi pezzi. Il braccialetto è molto semplice da indossare – ha dichiarato Fabio Agosta, Amministratore della BAM, BIO ANTI MOSQUITOES – ed è dotato di un sistema di nanotecnologie in grado di incapsulare il liquido biologico e di liberarlo in seguito a qualsiasi movimento, anche il più piccolo. I polsini di BAM sono microincapsulati con una tecnologia innovativa, che consente una lunga durata (30gg se indossati 24h al giorno, fino a tre mesi se indossato saltuariamente) e rappresentano una protezione ideale per tutte le attività sportive e di divertimento all’aperto ed inoltre è assolutamente resistente all’acqua“. In Italia, spiega Agosta, “oltre alle catene di farmacie, abbiamo chiuso accordi anche con importanti imprese di distribuzione nel Nord del Paese. Nella formula spalmata sul braccialetto, ci sono oli naturali, e altre sostanze biologiche, la cui miscela è protetta. Stiamo pensando di realizzare, sempre con il liquido biologico anti zanzare creato da Miller, di produrre anche delle magliette T-Shirt anti- zanzare. Basta semplicemente muoversi e la fragranza fuoriesce creando uno scudo di protezione che sulle magliette resiste a 5 lavaggi, e protegge dalle zanzare“. Il liquido biologico che si chiama Kulicide, creato da Miller è stato già acquistato da Coca Cola in occasione delle Olimpiadi svoltesi a Rio nel 2016 ed inoltre può essere usato anche in tutte le città per le varie disinfettazioni. La versione usata per il braccialetto allontana le zanzare mentre quella in liquido interviene in fase preventiva evitando che possano nascere le zanzare. Infatti Kulicide evita la schiusa della larva e dunque la nascita della zanzara senza impatto sull’ambiente. Kulicide è totalmente biologico e può essere usato nelle acque stagnanti e lungo tutti i corsi d’acqua dove le zanzare nascono. Tale liquido non ammazza la zanzara già adulta ma interviene nella fase larvale. Stanley Miller è l’imprenditore inglese che ha deciso di finanziare la ricerca contro la Zica per salvare milioni di vite umane. Miller ha 73 anni e dopo essere stato amministratore delegato delle più importanti società inglesi, ormai milionario sta investendo le sue risorse economiche in questa grande ed importante sfida umana. “Il caldo aumento il rischio di presenza delle zanzare. Oggi, ad esempio, in Italia c’è il problema della zanzara tigre. Molti sindaci avrebbero emesso ordinanze sindacali nelle loro città ed ho letto anche di Milano. Il problema però in Italia devono risolverlo alla base – ha dichiarato Stanley Miller – in prevenzione e non inseguirlo. E’ stato creato dal gruppo dei miei biologi un liquido che è in grado di evitare che le larve possano schiudersi. Si tratta di un liquido non tossico, naturale, biologico che immesso in quei luoghi stagnanti dove le zanzare si procreano evita la loro nascita. Ricordiamo che la zanzara tigre è comunque appartenente alla famiglia CULICIDE. Le zanzare tigre depongono le uova in luoghi destinati a riempirsi di acqua. Nelle città o nei paesi abitati, la zanzara tigre predilige piccoli contenitori che si trovano ad esempio nei giardini ma anche lungo strade, parchi. C’è una cosa molto importante da dire e consiste nel fatto che la zanzara tigre ha un raggio d’azione di circa 200 metri. Dunque i luoghi di deposizione delle uova sono non distanti da dove viene registrata la presenza delle zanzare. Le stesse uova per schiudere ed iniziare il ciclo larvale, hanno bisogno di tanta acqua. Questo significa che con ogni probabilità le zanzare nascono presso ambienti stagnanti e dunque è in questi ambienti che dobbiamo intervenire con materiale biologico. La zanzara tigre può trasmettere la febbre gialla, l’encefalite, il dengue, il chikungunya“.