Settimana della Scienza a misura di bambino: giochi, laboratori e “scienziati di strada”. Le iniziative nelle città italiane

La Settimana della Scienza ha aperto i battenti il 23 settembre scorso

Fino al 30 settembre 2017, grazie alla Settimana della Scienza, che ha aperto i battenti il 23 settembre scorso, sarà possibile partecipare ad eventi, aperitivi scientifici, incontri con i ricercatori, conferenze e visite nei più autorevoli centri di ricerca italiani aperti al grande pubblico e alle scuole di ogni ordine e grado. L’appuntamento precede un altro evento, la Notte Europea dei Ricercatori – 29 settembre, la più importante manifestazione europea di comunicazione scientifica che coinvolge 340 città europee in 27 stati e più di 17.500 ricercatori.
Frascati Scienza, oltre a coordinare tutte le attività dell’area tuscolana e nella regione Lazio che apre molte delle infrastrutture di ricerca più importanti d’Italia, sarà presente in tantissime città da nord a sud della penisola, isole comprese: Bari, Cagliari, Carbonia, Cassino, Caserta, Catania, Cave, Cosenza, Ferrara, Frascati, Frosinone, Gorga, Isnello, Lecce, Milano, Monte Porzio Catone, Napoli, Palermo, Parma, Pavia, Pula, Roma, Sassari, Trieste, Viterbo.
Come ogni anno una grande attenzione sarà riservata alle scuole con un calendario di eventi dedicato esclusivamente ai più piccoli.
Tra questi segnaliamo:
Il Luna Park della Scienza. Tra le strade del centro storico di Frascati durante la Notte Europea dei Ricercatori, sarà possibile visitare un posto magico dove la scienza si unisce al gioco e al divertimento, un luogo in cui gli scienziati lavorano fianco a fianco con giocolieri, acrobati e trampolieri. Il pubblico potrà visitare quattro postazioni – gioco, in ciascuna delle quali sarà possibile divertirsi proprio come in un Luna park e allo stesso tempo scoprire come la scienza sia realmente presente nella nostra vita quotidiana e quanto influenzi il nostro modo di vivere.
A Frascati, presso le Mura del Valadier tra i tanti eventi in programma Detectives! Indagini sulla Biodiversità! Il nostro pianeta è incredibilmente ricco di biodiversità. Ma come è possibile studiarla e catalogarla? Da questa domanda partirà un’indagine da veri detectives, alla scoperta del sistema di classificazione biologica ideato da Carlo Linneo.
La chimica dello slime Che sia uno slime buono da mangiare, uno slime magnetico o uno slime fluorescente, ogni attività consentirà di “sporcarsi le mani” con la scienza.
Occhio al reperto Per un giorno potrete vestire i panni di un antropologo e andare alla ricerca di resti scheletrici umani nascosti nella sabbia.
La fisica dei giocattoli
Come funziona una bussola? Cosa permette a un aquilone e a un aeroplanino di carta di volare? Come funziona una bolla di sapone? Durante l’evento si spiegheranno le leggi fisiche che descrivono i giocattoli che ci accompagnano dall’infanzia e mostreremo come, dopotutto, non c’è grande differenza tra una trottola e i pianeti del sistema solare, o addirittura una galassia!
Jules verne viaggi straordinari nella scienza A passeggio tra isole misteriose, mondi sotterranei e acquatici, per scoprire come la ricerca del 1800 abbia rivoluzionato la vita. Con una guida d’eccezione: Jules Verne.
Piccoli archeologi a caccia d’indizi
Attraverso l’uso di un piccolo setaccio, i piccoli partecipanti dovranno ritrovare negli strati di terra, custoditi in sacchi, tutti i reperti sfuggiti a uno sbadato archeologo.
Esperimenti e risate Dimostrazioni scientifiche accompagnate dalla straordinaria comicità di Daniele Miglio.
Internet for kids Scoprire come funziona la rete Internet attraverso un’esperienza di gioco interattiva. Le connessioni Internet sono davvero invisibili? Oppure esistono cavi che girano tutto il mondo per permetterci di comunicare con tutti i Paesi? Come funziona realmente la rete e quali sono i suoi segreti?
Big Robo makers
Laboratorio di coding e robotica. I Big-makers conosceranno Arduino, impareranno a programmarlo, lavoreranno in team e realizzeranno un piccolo progetto di robotica. Alla fine delle attività verrà fatta la presentazione dei progetti realizzati durante il laboratorio.
Diplomati con LibreOffice
Il laboratorio mostrerà come sfruttare le potenzialità di LibreOffice e altri strumenti di lavoro open source e i partecipanti, divisi a squadre, potranno così essere subito operativi, iniziando a realizzare un primo documento tradotto in modo collaborativo da più utenti.
E poi Pianeti in una stanza, il Planetario mobile, Internet for kids, viaggio nel cosmo in 3D, BIO…What? alla scoperta della BIOECONOMIA, per una intera settimana di appuntamenti esclusivamente dedicati alla scienza.
Nel parco di Villa Clementi a Cave, in collaborazione con la Regione Lazio, dal 25 al 29 settembre si parlerà della relazione tra arte e scienza. Le giornate saranno divise in due momenti: la mattina, sarà riservata a laboratori e giochi scientifici per i più piccoli e il pomeriggio dedicato all’allestimento di mostre aperte al pubblico. Nelle sale della struttura, aperte al pubblico nel pomeriggio ci saranno poi esposizioni di opere d’arte a cura del liceo artistico Henri Matisse Cave; la “Topolino comics & science” con un’esposizione di tavole del fumetto realizzata grazie alla collaborazione tra Disney e Cnr; le opere dei bambini del laboratorio di Cianotipia; la mostra dell’artista Fabrizio Spadini intitolata “Futuro Anteriore”, che mixa il linguaggio pittorico ottocentesco a elementi del cartone animato giapponese.
L’area proiezione sarà riservata a “I cartoni animati di Quark: intervista a Bruno Bozzetto” dove gli spettatori potranno osservare filmati e materiali cartacei relativi ai disegni animati divulgativi a cura di Bruno Bozzetto e Piero Angela.
Il 29 settembre dalle 18:30 alle 20:30 il teatro comunale di Cave aprirà le porte all’evento finale. In scena lo spettacolo “Gente di Cartoonia – Speciale Scienza”, una Situation-Talk, in cui animatori, doppiatori, musicisti specializzati, programmatori e rappresentanti del mondo scientifico, si cimenteranno in alcune performance con la partecipazione del pubblico. Gli ospiti del sit-talk saranno invitati a tenere un dibattito leggero, ma rigoroso, sui più attuali spunti scientifici. Infine il pubblico sarà coinvolto nella realizzazione di una breve storia interamente disegnata, doppiata e musicata in tempo reale sul palco! A condurre lo show, Paolo D’Angelo, giornalista scientifico (Ansa) ed esperto di esplorazione spaziale.
A Bari il 29 settembre Piccoli Nerd crescono. Piccoli laboratori per studenti di tutte le età con l’obiettivo di avvicinare i giovani alla tecnologia in maniera accattivante e divertente. L’obiettivo è quello di capire l’importante della tecnologia e dell’impatto che essa ha nel mondo moderno, in modo da creare negli studenti una consapevolezza tale da diventare utenti attivi e non fruitori passivi della stessa.
A Cassino Perchè si è rotto il pedale della bicicletta? Si “racconteranno” una serie di catastrofi avvenute nella storia correlando i meccanismi osservati con gli eventi catastrofici.
A Pula l’evento Smatphonica – la scienza in tasca intende mostrare come oggi innovazione, creatività e arte siano sempre più concetti legati alle nuove tecnologie digitali e in particolare alle potenzialità di utilizzo di smartphone e tablet.

Per il programma completo della manifestazione con il dettaglio dei giorni, orari e luoghi, visitare il sito: http://www.frascatiscienza.it

La Notte Europea dei Ricercatori, che quest’anno compie 12 anni, è promossa dalla Commissione Europea.
Il progetto coordinato da Frascati Scienza è realizzato con il supporto della Regione Lazio in collaborazione con Comune di Frascati, ASI, CINECA, CREA, ESA-ESRIN, GARR, INAF, INFN, INGV, ISPRA, ISS, Sapienza Università di Roma, Sardegna Ricerche, Università di Cagliari, Università di Cassino, Università LUMSA di Roma e Palermo, Università di Parma, Università degli Studi di Roma “Tor Vergata”, Università degli Studi Roma Tre, Università di Sassari, Astronomitaly, Associazione Tuscolana di Astronomia, Explora, G.Eco, Ludis, Osservatorio astronomico di Gorga (RM), Sotacarbo.
L’evento vede inoltre la partecipazione di: Associazione Eta Carinae, Cicap Lazio, Consorzio di Ricerca Hypatia, Engineering, Fondazione GAL Hassin di Isnello (PA), GEA, Giornalisti nell’Erba, FVA New Media Research, ICBSA, Istituto Nazionale Tumori Regina Elena e Istituto Dermatologico San Gallicano – IRCCS Roma, Matita Entertainment, IRCCS Lazzaro Spallanzani, Museo Geopaleontologico “Ardito Desio” di Rocca di Cave, Osservatorio Malattie Rare, Museo Tuscolano delle Scuderie Aldobrandini, STS Multiservizi, Ass. Speak Science, Ass. ScienzImpresa, Tecnoscienza.it srl, The Document Foundation, Unitelma Sapienza, Università della Tuscia, Hamamatsu Photonics Italia S.r.l..
Altri partner di Frascati Scienza: Accatagliato, Associazione culturale Arte e Scienza, Associazione culturale Chi sarà di Scena, Associazione Amici di Frascati, Res Castelli Romani, MaCSIS, AGET Italia, Comune di Grottaferrata, Istituto salesiano di Villa Sora, Pro Loco Frascati 2009.
Con il patrocinio del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, Regione Lazio, Città metropolitana di Roma Capitale, Parco Regionale dei Castelli Romani, Parco dell’Appia Antica, Comunità Montana dei Castelli Romani e Prenestini, Roma Capitale, Comune di Monte Porzio Catone, Città di Ariccia.
La Notte Europea dei Ricercatori di Frascati Scienza è finanziata dalla Commissione Europea nell’ambito della call MSCA-NIGHT-2016/2017 (Grant Agreement No. 722952).