Ambiente: la Groenlandia ha una misteriosa “zona scura”

La zona scura della Groenlandia è diventata il centro dell’attenzione di alcune delle ultime ricerche

macchia scura Groenlandia
Credit: MODIS/NASA

Dall’alto, la calotta polare della Groenlandia sembra un enorme campo di bianco brillante. Per la maggior parte. Nei mesi estivi, infatti, il lato occidentale è ombreggiato da una zona scura che sembra essersi inscurita ancora di più negli ultimi anni, minacciando di accelerare il tasso di scioglimento. Un nuovo studio offre una spiegazione del fenomeno.

La calotta polare copre oltre l’80% del territorio della Groenlandia, circa 1,7 milioni di km². Il ghiaccio è spesso oltre 1,5 km in media e contiene l’8% dell’acqua potabile del mondo. Se si sciogliesse completamente, i livelli globali dei mari aumenterebbero di circa 7 metri, secondo la NASA. A causa di questa prospettiva disastrosa, gli scienziati stanno cercando di capire perché la riduzione della calotta polare della Groenlandia stia accelerando negli ultimi decenni.

groenlandiaLa neve bianca e il ghiaccio hanno una riflettività più alta, il che significa che riflettono più energia solare di quanta ne assorbono. Le macchie scure e le acque di fusione, invece, assorbono più energia e possono indurre una reazione che porta ad un ulteriore scioglimento dei ghiacci. Quindi, la zona scura della Groenlandia è diventata il centro dell’attenzione di alcune delle ultime ricerche. Hubbard ha affermato: “Il fatto che un’ampia parte del lato occidentale della calotta polare della Groenlandia sia diventata scura significa che lo scioglimento è 5 volte superiore rispetto alla superficie di neve luminosa”.

Attraverso le immagini catturate da un drone, i ricercatori sono arrivati alla conclusione che la maggior parte delle superfici più scure aveva una copertura uniforme di impurità. Queste impurità includono polvere e cenere che si sono accumulate negli anni da fabbriche e incendi lontani, ma anche proliferazioni di alghe scure da batteri che possono crescere nel duro ambiente della Groenlandia, hanno scoperto i ricercatori.

Hubbard ha concluso: “Le alghe hanno bisogno di nutrienti e cibo, essenzialmente polvere, carbonio organico e acqua. In estate, sono abbondanti e così comincia la proliferazione delle alghe. Poiché le alghe sono scure, rinforzano la zona scura. Quindi, la calotta polare assorbe ancora più radiazione solare, favorendo lo scioglimento”.