Corrs in concerto per gli embrioni, l’esperto: “La musica favorisce lo sviluppo del 5%”

All’Institut Marquès tutti gli incubatori in cui gli embrioni si sviluppano hanno un sistema di musica incorporato

Sharon Corr in concerto
Sharon Corr in concerto

Le vibrazioni musicali aumentano il tasso di successo della fecondazione in vitro del 5% e migliorano lo sviluppo embrionale. Ne sono convinti all’Institut Marquès, dove tutti gli incubatori in cui gli embrioni si sviluppano hanno un sistema di musica incorporato.

Di recente, gli embrioni che abitano gli incubatori della clinica hanno assistito a un vero e proprio concerto live: Sharon Corr, membro del popolare quartetto irlandese The Corrs, si è esibita per loro, non solo nel centro di Barcellona, ma, grazie allo streaming, anche nella sede di Roma (Villa Salaria) e Clane(Irlanda). Insieme all’artista Alex Ubago ha interpretato canzoni come “Amarrado a ti” (“Ormeggiata te”) e “Buenos Aires”.

È stata un’esperienza molto eccitante. È bello pensare che possiamo essere parte del futuro. L’intero processo è meraviglioso e sono davvero sorpresa di come funziona. In fondo non c’è da meravigliarsi che la musica aiuti gli embrioni a svilupparsi, perché la musica è la migliore terapia al mondo. Mi sento onorata di essere stata coinvolta in questo concerto “, ha dichiarato Sharon Corr.

Gli studi di Institut Marquès riguardanti gli effetti della musica sullo sviluppo embrionale e fetale dimostrano che le vibrazioni musicali muovono il terreno di coltura in cui si trova l’embrione, producendo una più equa distribuzione dei nutrienti necessari, e disperdendo le tossine. Il sistema permette, inoltre, di mimare i movimenti che si verificano quando l’embrione viaggia attraverso le tube di Faloppio verso l’utero.

La Dottoressa Marisa López-Teijón, Direttrice dell’Institut Marquès, spiega: “Con questo sistema facciamo passi avanti verso il nostro obiettivo: riprodurre in laboratorio le condizioni naturali degli embrioni nel grembo materno. La nostra filosofia si basa su tecnologie all’avanguardia e sull’amore con cui serviamo i nostri piccoli pazienti. Vogliamo migliorare ogni giorno, prendendoci cura di loro come farebbero le nostre stesse pazienti”.

Questo concerto per gli embrioni continua una tradizione che ha visto protagonisti altri musicisti, come il famoso cantante spagnolo Antonio Orozco. In un futuro prossimo Institut Marquès progetta di offrire altre performance live nei laboratori.