Giornate FAI d’autunno: il 14 ottobre il Centro Visite della Riserva Statale “Monte Velino” accoglierà il pubblico

Il 14 ottobre il Centro Visite della Riserva Statale “Monte Velino” accoglierà il pubblico del Fondo Ambiente Italiano per le “Giornate FAI d’autunno”

Domenica 14 ottobre il Centro Visite della Riserva Naturale Orientata Statale del Monte Velino, a Magliano de’ Marsi, accoglierà il pubblico del Fondo Ambiente Italiano, nell’ambito della manifestazione a carattere nazionale “Giornate FAI d’autunno”, con l’evento denominato “Facciamo visita al signore del vento: il grifone”.

Dalle ore 9:30 alle ore 17:00, gli esperti ecologi ed interpreti ambientali del Reparto Carabinieri Biodiversità di Castel di Sangro accompagneranno i visitatori alla scoperta del MUN – Museo dell’Uomo e della Natura e lungo il sentiero Natura della Riserva. Ad arricchire l’iniziativa ci saranno dei “Ciceroni” molto particolari, i ragazzi dell’ANFFAS (Associazione Nazionale Famiglie di Persone con Disabilità Intellettiva e/o Relazionale) di Avezzano, che cureranno direttamente una parte delle attività previste. L’iniziativa, nata nell’ambito di specifici progetti che l’ANFFAS di Avezzano e il Reparto CC Biodiversità di Castel di Sangro stanno portando avanti, è finalizzata a sviluppare un percorso di inclusione sociale e lavorativa.

In particolare, i visitatori potranno scoprire sul campo i fragili equilibri dell’ecosistemi di montagna, conoscere i problemi e anche le opportunità offerte dalla presenza di importanti specie faunistiche e visitare i loro habitat cruciali. Il “ritorno dall’estinzione” del grifone, il signore del vento, sarà la sorpresa più grande: scomparso dall’Appennino alla fine del 1500, è stato reintrodotto sul Velino dal Corpo forestale dello Stato nel 1993. In quest’area, questo avvoltoio ha trovato un habitat ideale: pareti rocciose poco accessibili, in prossimità di grandi spazi dove si formano masse d’aria ascensionali, sfruttate per volteggiare ed eseguire il volo planato. Si potranno vedere da vicino alcuni grifoni confiscati ai bracconieri e, con un po’ di fortuna, anche splendidi grifoni volteggiare in cerca di carcasse di animali selvatici o domestici.