Allerta Meteo, è allarme tornado in Italia: massima attenzione dalla Liguria alla Sicilia, sulle pianure del Nord e sull’Adriatico [MAPPE e DETTAGLI]

Allerta Meteo, con il maltempo estremo che imperversa in Italia aumenta notevolmente la minaccia di tornado: tutta la costa occidentale italiana, le pianure del Nord e l'Adriatico a rischio, i dettagli

Allerta Meteo – Sono giorni di massima allerta meteo in Italia a causa di un modello eccezionalmente dinamico sul Mediterraneo centrale che supporterà violenti temporali anche nella giornata di oggi, lunedì 29 ottobre. La ciclogenesi piuttosto vigorosa al di sotto della profonda depressione sul Mediterraneo occidentale sta creando un ambiente davvero molto favorevole alla formazione di violenti temporali. Una forte corrente a getto si diffonde sull’area, mentre le basse pressioni sul Mediterraneo centro-occidentale, combinate con la dorsale sull’Europa orientale, producono un forte gradiente di pressione e un campo di vento incredibilmente forte. Ciò che ne consegue è un ambiente estremamente dinamico, caratterizzato da un alto shear del vento che si combina con instabilità da forte a moderata. I forti venti dei bassi livelli e i profili verticale favoriranno la formazione di supercelle tornadiche.

Le aree principali di attività saranno la costa occidentale dell’Italia, dalla Liguria alla Sicilia, le pianure del Nord e del Nord-Est e l’area adriatica centrale e settentrionale. L’ambiente sarà favorevole a tempeste prefrontali e a intensi Sistemi convettivi a mesoscala. La minaccia principale sarà ancora rappresentata dalle piogge torrenziali. Il rischio di tornado, tuttavia, è notevolmente aumentato dal forte shear del vento. Vediamo i dettagli.

Mari Ligure e Tirreno

tornado warning allerta meteo (3)L’ambiente sul Mar Ligure e sul Tirreno è molto favorevole a temporali, con moderata/forte instabilità (CAPE di 1500-3000 J/Kg!). Una forte corrente a getto di 20-30 m/s a 500hPa si diffonde sull’area. Qui resiste una persistente e abbastanza stazionaria zona di convergenza, risultato di basse pressioni consecutive che si muovono verso nord, ad ovest di Corsica e Sardegna, e di un forte flusso meridionale con venti di Scirocco di 80-100 km/h. Mentre scriviamo, supercelle tornadiche sono state già avvistate in Liguria, insieme ad un’anguilla che gira beatamente tra le strade allagate del centro di La Spezia.

Nel pomeriggio sul Tirreno, forti venti di Scirocco di 90-100 km/h porteranno aria calda e umida davanti al fronte. Con gli indici CAPE che raggiungeranno valori di 1500-2500 J/Kg, si attendono violenti temporali in grado di produrre forti tornado lungo il fronte. Ulteriori minacce saranno la grandine di dimensioni grandi/molto grandi, le piogge torrenziali e i forti venti. Un’area di particolare interessa saranno le coste della Toscana meridionale, del Lazio e della Campania. I venti ai bassi livelli sono massimizzati su quest’area e spingeranno shear ed elicità verso valori favorevoli alla formazione di violenti tornado, possibili con qualsiasi supercella che si andrà a sviluppare.

Pianure del Nord Italia e dell’Adriatico centrale e settentrionale

Sull’Adriatico si svilupperanno intensi venti di Scirocco che porteranno una massa d’aria calda e umida verso nord. Vari modelli indicano una corrente a getto incredibilmente forte che si spingerà sull’Adriatico settentrionale e sulle pianure dell’Italia settentrionale e nordorientale. Una moderata instabilità si svilupperà davanti al fronte freddo soprattutto nel pomeriggio di oggi. I modelli indicano indici CAPE di 800-1000 J/kg sull’Adriatico settentrionale, incluse la Slovenia e la Croazia occidentali. Davanti al fronte freddo, forti venti di Scirocco saranno incanalati lungo il lato meridionale delle Alpi prevalentemente in direzione est. Questo aumenterà shear ed elicità che, a loro volta, supporteranno la formazione di tornado.

Temporali persistenti sono attesi lungo il confine del fronte freddo, che si muoverà sulle pianure del Nord Italia fino al primo pomeriggio, prima di spingersi verso l’Adriatico, la Slovenia e la Croazia nel tardo pomeriggio e nelle ore serali. Le tempeste potrebbero unirsi in una Squall Line e avranno il potenziale di diventare tornadiche. La minaccia di tornado sarà massimizzata sulle pianure del Veneto e del Friuli, sul Nord Adriatico, lungo la costa di Slovenia e Croazia, dove la minaccia è estesa anche verso l’entroterra.

Massima attenzione, dunque, a questo maltempo che sta sferzando l’Italia con condizioni meteo estreme e che produrrà un’intensa tempesta di vento in Sardegna.

AGGIORNAMENTO – PREVISIONI PURTROPPO CONFERMATE, GRAVE TORNADO A TERRACINA: 

Maltempo, furioso tornado si abbatte su Terracina: “tanti morti, ha distrutto tutto, venite ad aiutarci” [FOTO e VIDEO LIVE]

Ecco le pagine utili per seguire la situazione meteo in tempo reale: