Caorle e Lignano Sabbiadoro: quello non è un tornado, ecco un DownBurst [GALLERY]

A prima vista sembrava un vero Tornado in arrivo, ma mancava del tutto la componente rotatoria. Si è trattato di un DownBurst

Ieri i turisti presenti sulle spiagge di Caorle e Lignano Sabbiadoro avranno certamente avvertito un grosso spavento quando osservando l’orizzonte si saranno imbattuti in quello che sembra a tutti gli effetti un potente tornado in arrivo. Guardando le foto scattate, a prima vista effettivamente lo spettacolo era davvero impressionante se non unico. La struttura a mensola delle nubi nere piuttosto basse, ricordavano fenomeni assai violenti avvenuti negli ultimi anni. Ancora vive negli occhi di molti le immagini del tornado che distrusse l’area industriale di Taranto alcuni anni fa.

Ad osservare bene però le foto, si nota come manchi del tutto la rotazione  alla base. Infatti si è trattato soltanto di una potente corrente discensionale di pioggia e vento.

Non si è manifestata, peraltro, alcuna tromba d’aria ma soltanto una forte pioggia seguita da raffiche di vento in ogni direzione, senza che le stesse avessero però alcun moto rotatorio. Si è trattato, per dirla tecnicamente, di quel fenomeno  che è noto come DownBurst.

Il DownBurst, lo ricordiamo, è diverso da un tornado perché non presenta alcun moto rotatorio al suo interno, tanto meno alla sua base e presenta caratteristica di vento che discende dall’alto, sbatte al suolo e si dirige radialmente in ogni direzione. Ma può essere molto simile per gli effetti al suolo, con forti venti e piogge torrenziali. Firenze ne fu devastata un pomeriggio di Agosto della scorsa estate.